Madeleine McCann: una studentessa sostiene di essere la bimba scomparsa nel 2007
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Madeleine McCann: una studentessa sostiene di essere la bimba scomparsa nel 2007
Cronaca

Madeleine McCann: una studentessa sostiene di essere la bimba scomparsa nel 2007

Madeleine McCann

La somiglianza con Madeleine McCann, la bambina scomparsa nel 2007 in Portogallo, è fuori di dubbio, ma alcuni particolari non coincidono

Come riportato dal quotidiano “Sun”, una studentessa universitaria ha pubblicato alcune foto su Twitter affermando di essere Madeleine McCann. Madeleine, come molti ricorderanno, è la bambina inglese scomparsa in Portogallo nel 2007. Di lei si persero completamente le tracce.

Oggi la studentessa Harriet Brookes dichiara di avere gli stessi tratti caratteristici descritti dai genitori all’epoca della scomparsa. Ovvero una macchia marrone intorno all’iride degli occhi e un neo sulla coscia, nella medesima posizione di quello della piccola Maddie. “Ragazzi – ha scritto Harriet agli amici sui social – di solito non credo alle teorie cospirazioniste. Ma penso di essere io Madeleine McCann”. Per poi continuare: “Io sono Madeleine McCann e non so più cosa fare di me stessa”. In questo modo, la giovane ha creato anche qualche dissenso all’interno della chat, in cui non tutti si sono detti d’accordo con lei.

Harriet Brookes

Nel momento stesso in cui è stata postata su Twitter, la vicenda ha riscosso un grande interesse da parte degli utenti.

Il messaggio della studentessa è stato ritwittato ben 30mila volte solo nelle prime ore di pubblicazione. Ma c’è un dato che renderebbe del tutto vane le pretese della ragazza. Quando è stata rapita nel 2007, infatti, Maddie aveva solo tre anni, quindi oggi ne dovrebbe avere 14. Harriet, invece, è una studentessa universitaria!

Madeleine McCann: la scomparsa e le ricerche ancora in atto

Le ricerche della piccola Maddie, nonostante i dieci anni trascorsi, continuano. A oggi la polizia ha ricevuto fondi per poter continuare le indagini, almeno fino a marzo del prossimo anno. Madeleine Beth McCann, nata il 12 maggio 2003 a Leicester, in Inghilterra, si trovava in vacanza con i genitori e i fratellini nella zona centrale di Praia da Luz, in Portogallo. I genitori hanno sempre affermato di aver lasciato la bimba senza sorveglianza in una camera da letto al pianterreno del residence dove alloggiavano, mentre loro erano a pranzo con altre coppie di amici.

scomparsa

Alla scomparsa della piccola Maddie, le indagini iniziali della Polícia Judiciária portoghese conclusero che la bimba era stata rapita.

Dopo ulteriori indagini, la polizia dichiarò però che vi era il forte sospetto che potesse essere morta nella sua stanza. Durante le indagini, inoltre, vi furono presunti avvistamenti, non confermati, di Madeleine in Portogallo e in altri paesi.

La sparizione di Maddie e l’impatto mediatico

La scomparsa di Madeleine fu un fatto notevole a livello mediatico. Il coinvolgimento attivo dei genitori nel pubblicizzare il caso e le numerose campagne di sensibilizzazione contribuirono alla notorietà della vicenda. Il fatto generò grande attenzione da parte dei mezzi di comunicazione internazionali, sollevando polemiche sulle indagini della polizia portoghese, accusata di ritardi e superficialità. Inoltre venne fortemente recriminata anche condotta dei genitori di Madeleine, criticati per aver lasciata da sola la bambina.

MaddieSecondo notizie di stampa, un sito promosso dalla famiglia di Madeleine per raccogliere fondi per le ricerche ha registrato cinque milioni di visite in meno di 24 ore. Sono state ricevute offerte di donazioni sia da parte di semplici individui sia di aziende, per contribuire a lanciare una campagna a livello europeo. Ci sono stati appelli anche da parte di molti leader politici e personalità sportive, mentre i genitori di Maddie hanno avuto un’udienza anche con il Papa. In seguito alle accuse rivolte loro dai media, i coniugi McCann hanno intentato causa per diffamazione a mezzo stampa. Nel marzo 2008 il Daily Express e il Daily Star hanno pubblicato le loro scuse in prima pagina. Hanno anche accettato di pagare ai McCann 550.000 sterline per risarcimento danni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche