> > Milano: assessore travolge uomo col suv. La vittima lascia tre figli

Milano: assessore travolge uomo col suv. La vittima lascia tre figli

Milano: assessore travolge uomo col suv. La vittima lascia tre figli

Un camionista è stato falciato da un suv guidato da un ex assessore sulla SS34 in provincia di Verbania. Rimaste ferite altre tre persone

Un incidente mortale avvenuto lungo la Statale 34, in provincia di Verbania, ha ucciso il camionista 52enne B.V.

Un ex assessore politico ha azzardato un sorpasso su un rettilineo con linea continua e ha falciato due autotrasportatori. B.V. era residente a Cinisello Balsamo, in provincia di Milano, ed era padre di tre figli. Il suo collega è rimasto gravemente ferito.

Mercoledì pomeriggio tra Fondotoce e Gravellona, un suv Range Rover guidato da un imprenditore ed ex assessore della Regione Piemonte, E.R., avrebbe tentato un sorpasso azzardato su un rettilineo.

In quel momento, l’ex assessore avrebbe visto un’auto Peugeot nella direzione opposta e per evitare il frontale avrebbe sterzato a sinistra verso l’area di sosta.

Il suv si è schiantato quindi contro due tir fermi. Due autotrasportatori – dipendenti per una ditta di Pero – sono rimasti schiacciati tra il suv e i tir. B.V. è morto sul colpo, scaraventato in là di venti metri e finito contro un palo.

Il collega è stato ricoverato in gravi condizioni. Al momento dello schianto i due camionisti stavano tornando alla guida, dopo essersi fermati per un caffè alla stazione di rifornimento che si trova a 10 metri dall’area di sosta.

L’autista del Suv è un ex assessore

All’ospedale di Verbania è stato portato anche l’autista della Range Rover, imprenditore molto noto in tutto il Piemonte per precedenti incarichi politici e amministrativi: si tratta di E.R., 62 anni, assessore regionale al Turismo con Forza Italia dal 1998 al 2004, quando la carriera venne troncata improvvisamente da vicende giudiziarie.

Il politico è rimasto lievemente ferito. Dopo l’incidente, è stato sottoposto a prelievo ematico per verificare le sue condizioni psicofisiche al momento dello schianto letale.

Sul luogo dell’incidente è giunto il pm Fabrizio Argentieri della Procura di Verbania per i primi accertamenti sulla dinamica dello schianto. Il tratto della SS24 in uscita da Verbania è stato chiuso per circa tre ore per consentire i dovuti rilievi.