×

Molestie, nel vicentino sedicente dottore ipnotizza paziente

Condividi su Facebook

Molestie ai danni di una paziente da parte di un sedicente medico nel Vicentino: "mi sono risvegliata con un vibratore nelle parti intime.".

molestie
Molestie, nel vicentino sedicente dottore ipnotizza paziente

Molestie da parte di un sedicente dottore ai danni di una paziente. È accaduto nel vicentino dove una giovane donna, ha denunciato un uomo che, dopo averla ipnotizzata, avrebbe abusato di lei, utilizzando tra gli altri anche dei sex toys.

La vicenda è ancora in fase iniziale di indagini, i particolari resi noti non sono molti, però è certo che i Nas di Padova hanno già proceduto con le verifiche del caso e, dopo aver raccolto la denuncia della donna che ha parlato di pesanti molestie subite, hanno perquisito la struttura e hanno trovato un sex toy.

La donna, infatti, denunciava di essersi accorta delle molestie perché, una volta, ripresasi dopo l’ipnosi subita, si è resa conto che qualcosa non andava. La procura, quindi, ha aperto un’inchiesta a carico del responsabile del centro olistico “Chandra” a Mason, comune della provincia di Vicenza.

“Ero andata al centro olistico per un trattamento. Il responsabile mi ha suggestionata al punto da convincermi a sottopormi ad una seduta di ipnosi. Quando mi sono svegliata mi sono trovata un oggetto nelle parti intime.

Era un vibratore.”. Questa la terribile rivelazione fatta dalla donna in sede di denuncia, storia che ha dovuto raccontare ai carabinieri, quando si è resa conto di essere stata vittima di una scabrosa quanto imbarazzante vicenda di molestie.

molestie

Le molestie denunciate dalla donna

Subito dopo la denuncia della donna, che sicuramente si sarà trovata in una situazione molto difficile da raccontare, come già detto la procura ha aperto un’inchiesta direttamente a carico del responsabile del centro olistico “Chandra”. Il suo nome è Mansueto Trevisan, 61 anni, di Mason.

L’ipotesi di reato è la violenza privata. A seguito della denuncia, quindi, i carabinieri del Nas di Padova hanno effettuato una perquisizione all’interno della struttura, trovando in un cassetto della scrivania il sex toy e ponendolo sotto sequestro.

A questo punto, come da prassi sono in corso accertamenti sull’attività del centro.

Ovviamente potrebbe trattarsi, purtroppo, di un caso non isolato e quindi, come è giusto che sia, proseguono le indagini per accertare non sono cosa è accaduto alla donna che ha accusato, ma anche per raccogliere altre testimonianze utili a capire se il responsabile del centro, Mansueto Trevisan possa avere “ipnotizzato” anche altre clienti, ovviamente donne.

A quanto affermato dalla donna che ha voluto, giustamente, denunciare il suo molestatore, tutto è cominciato nel momento in cui ha ripreso coscienza di sé: “mi sono risvegliata con un vibratore nelle parti intime.”.

Un fatto gravissimo, quindi, considerato anche che lei, credendo l’uomo un medico, gli si era affidata.

Indagini sulla struttura

Come c’era da aspettarsi ed era ovvio che succedesse, quindi, le indagini riguarderanno non solo il responsabile del centro “Chandra”, Mansueto Trevisan, ma anche le attività che vi si svolgevano. A quanto pare, non si sa ancora con quali permessi, la struttura offriva ai suoi clienti diversi tipi di trattamento, tutti, a quanto da loro affermato, atti a soddisfare il benessere generale dei pazienti.

La donna che ha deunciato le molestie, ha raccontato agli inquirenti di essersi recata al centro per un massaggio. E, sempre a quanto da lei dichiarato, è stato dopo aver espresso la volontà di ricevere tal trattamento che , Trevisan, da lei conosciuto come “dottore”, l’avrebbe convinta all’ipnosi.

Lei ha dunque accettato, per poi risvegliarsi con il sex toy nelle parti intime. È stato in seguito a questo che, ovviamente, la donna si è poi presentata in caserma, ha descritto ciò che le sarebbe accaduto, e in base proprio al suo racconto il magistrato ha definito il reato di violenza privata, non sessuale, proprio perché la presunta vittima non ha ritenuto che si trattasse di una forma di molestia.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.