×

Napoleone e le opere d’arte rubate all’Italia

Condividi su Facebook

L'Italia razziata dalle truppe napoleoniche

Napoleone nacque il 15 Agosto del 1769, quando la Corsica era divenuta francese da appena un anno, pertanto apparteneva ad una famiglia italiana.

Eppure, non si limitò a sentirsi sempre profondamente e intimamente francese, tra l’altro cosa assolutamente legittima, ma mantenne al contempo un meno simpatico atteggiamento di disprezzo e quasi di vergogna nei confronti della proprie origini italiche, tanto da mutare il suo vero cognome, che originariamente era “Buonaparte” in “Bonaparte”, più adatto alla lingua d’oltralpe.

Ma non mostrò di sicuro la medesima denigrazione nei confronti delle opere d’arte del nostro Paese, che letteralmente razziò di famosi capolavori che andarono a far bella mostra di sé in Francia; soltanto fra i dipinti, ne rubò 506, di cui la metà venne restituita dopo la sua caduta, ma le altre centinaia non fecero mai più ritorno in Patria.

Stessa sorte toccò a moltissimi reperti greci ed egizi.

Capolavori che, tuttavia, ovunque si trovino, continueranno ad essere italiani, greci ed egizi.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.