> > Nicolò Feltrin morto a due anni, la conferma: ucciso da un'overdose di hashi...

Nicolò Feltrin morto a due anni, la conferma: ucciso da un'overdose di hashish, eroina e cocaina

Nicolò Feltrin

Gli esami tossicologici sul corpo del piccolo Nicolò Feltrin hanno svelato la presenza di hashish, eroina e cocaina nel sangue.

Nel sangue del piccolo Nicolò Feltrin erano presenti hashish, eroina e cocaina.

Gli esami tossicologici hanno confermato il sospetto iniziale e il padre è ufficialmente indagato. 

Nicolò Feltrim morto a due anni, la conferma: ucciso da un’overdose di hashish, eroina e cocaina

Il piccolo Nicolò Feltrin, di soli due anni, è morto per un’overdose di droga, che lo ha colpito mentre era nell’abitazione di famiglia a Codissago di Longarone, in provincia di Belluno. Gli esami tossicologici hanno confermato il terribile sospetto iniziale, avanzato nelle ore successive alla sua morte all’ospedale di Pieve di Cadore, dove era stato portato dopo il malore che lo aveva colpito.

Nel sangue del piccolo erano presenti hashish, eroina e cocaina. L’autopsia eseguita dall’anatomopatologo Antonello Cirnelli, incaricato dalla Procura veneta, aveva stabilito che il decesso era dovuto a una intossicazione da sostanze. La conferma è arrivata dagli esami tossicologici. 

Il padre è indagato

Il sospetto che il bimbo abbia ingerito qualcosa nell’abitazione di famiglia, e non al parco dove era andato la mattina della tragedia, è stato confermato. Il padre, a cui il piccolo era stato affidato quel giorno, risulta al momento l’unico indagato per reato di omicidio colposo.

Contro Diego Feltrin non sono ancora stati presi provvedimenti cautelari. Il 28 luglio è arrivato in ospedale con il piccolo Nicolò, dopo una disperata corsa in auto, spiegando che il bambino non si era svegliato dopo il sonnellino. Aveva spiegato agli investigatori di essersi accorto che il piccolo aveva preso qualcosa da terra al parco e se lo era portato alla bocca. I carabinieri avevano effettuato sopralluoghi nel parco, senza esito.

Per questo si è fatta largo l’ipotesi dell’esposizione alla droga in casa. Nell’abitazione non sono stati trovati segni della presenza di droghe, ma erano presenti tracce di alcune sostanze su diversi reperti sequestrati.