×

Paola Turci: “Lesbica? Mai considerato un insulto”

Paola Tucci ha rotto il silenzio in merito al suo orientamento e alla sua vita privata.

Paola Turci

Paola Turci ha commentato i numerosi e sempre più insistenti rumor riguardanti la sua vita privata e il suo orientamento.

Paola Turci: le indiscrezioni

Da tempo Paola Turci è al centro di gossip che la vorrebbero attratta dalle donne o che la vedrebbero impegnata sentimentalmente con Francesca Pascale (l’ex fidanzata di Silvio Berlusconi con cui è stata paparazzata in atteggiamento intimo).

La cantante ha rotto il silenzio sulla questione affermando:

“Mi hanno sempre dato della lesbica non l’ho mai considerato un insulto. A intenderla come offensiva sono solo gli omofobi o le persone profondamente ignoranti”, e ancora: “Quando avevo 19 anni e cantavo all’Osteria dell’Orso, passò Adriano Panatta, mi vide e disse: “Ha i muscoli, la voce bassa: è lesbica”. Io allora non sapevo neanche bene cosa significasse. Poi hanno iniziato a dire che stavo con Gianna Nannini, che non avevo mai incontrato.

Nel 1994, intervistata dalla rivista gay Babilonia, chiarii: “Se fossi lesbica lo direi”.

La sua reazione e i pettegolezzi

Paola Turci – che ha sempre preferito mantenere il massimo riserbo sulla sua presunta relazione con Francesca Pascale – ha anche sottolineato di non dover rappresentare un modello per portare avanti una battaglia:

“Avrei potuto mangiarci su quel pettegolezzo, invece ho rifiutato copertine, soldi. Il mio silenzio ha comunicato che non è necessario dire quello che sei.

Ho accettato questa intervista, in un momento in cui non ho niente da “vendere”, perché ho la speranza che passi questo messaggio. E perché sia chiaro che non è più il tempo in cui un’artista per sostenere una causa deve necessariamente incarnare un modello. Sono a favore dell’eutanasia pur non avendo esperienza diretta di quel tipo di dilemma, posso sostenere le battaglie Lgbtq+ anche senza definirmi”

Contents.media
Ultima ora