×

Perché la Terra gira più velocemente del solito?

Dal 2020 le giornate di massina brevità sono sempre fisse e con valori decrescenti, ecco in possibile perché la Terra gira più velocemente del solito

La Terra gira più velocemente

Perché la Terra gira più velocemente del solito? Il nostro pianeta ha fatto registrare lo scorso 29 giugno il “giorno più veloce di sempre”. Di quanto? Per la precisione di 1,59 millisecondi, roba misurabile solo con gli orologi atomici ma importante.

Il moto di rotazione ha concluso le 24 ore in anticipo e non sarebbe affatto la prima volta che accade. Ma allora questa anomalia cos’è e da che deriva? Fino a pochi anni fa si pensava che stesse succedendo il contrario, con un moto della Terra in rallentamento. Perciò si è dovuti ricorrere ai cosiddetti “secondi intercalari”, cioè “frazioni di secondo aggiunte o tolte al tempo coordinato universale”. 

La Terra gira più velocemente del solito

Ma dal 2020 si rileva un’inversione di tendenza. I bravi divulgatori di Geopop, molto popolari sui social ma rigorosissimi, hanno spiegato che due anni fa si sono avuti 28 giorni più corti. Ad esempio il giorno più corto del 2020 è stato il 19 luglio con 1,47 millisecondi in meno rispetto al giorno solare medio. Poi il il 9 luglio 2021 la rotazione del pianeta si era conclusa 1,46 millisecondi prima.

Insomma, cosa lo fa succedere? Ci sono solo ipotesi: atmosfera, meccanismi legati alle maree e agli oceani, scioglimento delle calotte polari

Cos’è l’oscillazione di Chandler

Ci sono poi scienziati dell’Asia Oceania Geosciences Society che chiamano in causa l’oscillazione di Chandler, cos’è? Parliamo di un moto secondario del nostro Pianeta che riuscirebbe a spostare ciclicamente “l’asse di rotazione terrestre di 3-4 metri dal Polo Nord con un periodo di 433 giorni”.

A causarlo il fatto che la Terra non è perfettamente sferica, ma in effetti è un ellissoide di rotazione: ogni corpo non sferico in rotazione presenta un qualche tipo di oscillazione, e chi misurasse il tempo su quelle rotazioni deve far il conto con imperfezioni.

Contents.media
Ultima ora