> > Perché per l'omicidio di Lola si indaga anche per stupro e tortura

Perché per l'omicidio di Lola si indaga anche per stupro e tortura

Lola ed un frame delle indagini

Cosa dicono le fonti della polizia francese e perché per l'omicidio della 12enne parigina Lola si indaga anche per i reati di stupro e tortura

Per l’omicidio della piccola Lola a Parigi si indaga anche per stupro e tortura e il perché è legato ad una serie di circostanze che in sede di autopsia hanno sempre avuto un peso procedurale importante.

Il dato è che le piste di un’inchiesta che ha lasciato inorridita la Francia e che portano ad ambienti oscuri sono ancora tutte da battere, soprattutto per intuire il movente che ha spinto gli assassini o l’omicida materiale della 12enne francese ad uccidere Lola in maniera così barbara e con quelle modalità “horror”. 

Lola, si indaga anche per stupro e tortura

Il dato di fatto è che l’inchiesta aperta dalla Procura di Parigi per l’omicidio della piccola Lola, venerdì scorso, ipotizza i reati di assassinio, stupro e atti di tortura.

Gli inquirenti lo hanno fatto sapere alla stampa in queste ultime ore e secondo quanto si apprende Lola sarebbe stata soffocata, poi  sgozzata. Alla fine di quella macelleria il suo cadavere era stato chiuso in un contenitore di plastica sotto la casa in cui abitava con la famiglia. 

Chi è Dahbia, la 24enne algerina sospettata

Lola era uscita da scuola e nel breve tragitto verso lo stabile dove suo padre fa il portiere pare sia stata avvicinata al portone di casa da una donna, la principale sospetta.

Di chi si tratta? I media spiegano che è l’algerina Dahbia, 24 anni, una “senzatetto con precedenti psichiatrici”. Sul corpo di Lola poi erano stati trovati dei numeri che sembravano rimandare ad oscuri traffici. Il genitore della 12enne aveva iniziato a preoccuparsi dopo che la figlia non era tornata a casa da scuola ed aveva avvertito la moglie. La corsa alla polizia e il terribile ritrovamento erano arrivati poco dopo.