Campania, consiglio di disciplina dell'Odg convoca Di Maio | Notizie.it
Campania, consiglio di disciplina dell’Odg convoca Di Maio
Politica

Campania, consiglio di disciplina dell’Odg convoca Di Maio

di maio

Di Maio è stato convocato dal consiglio di disciplina della regione Campania. Dovrà fornire chiarimenti riguardo le sue affermazioni sui giornalisti.

Il consiglio di disciplina territoriale dell’Ordine dei giornalisti della regione Campania ha convocato Luigi Di Maio. Il vicepremier dovrà fornire delucidazioni su alcune frasi pronunciate dopo l’assoluzione della Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Di Maio convocato dall’Odg

Il Vicepremier, e leader di Movimento 5 stelle, a seguito dell’assoluzione di Virginia Raggi, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla categoria dei giornalisti e sulla stampa in generale. Il Consiglio di disciplina della Campania ha quindi deciso di convocarlo. Di Maio dovrà fornire chiarimenti in merito alle sue stesse dichiarazioni. Nel frattempo, nella giornata di mercoledì 14 novembre, il Consiglio si è riunito per dare il via all’istruttoria contro il vicepremier per insulti alla stampa. Di Maio ha già annunciato di voler rinunciare all’immunità parlamentare sulla vicenda.

“Mi faccio carico di dire a Di Maio e Di Battista, anche se sta in Guatemala, di non usare quei toni nei confronti dei giornalisti. Lo dico innanzitutto da giornalista”. Così Salvini ha commentato l’accaduto al Maurizio Costanzo Show.

Le parole di Di Maio hanno infatti scaturito grandi polemiche da parte di Fnsi e Ordine dei Giornalisti, nonché iniziative di mobilitazione della categoria, come i flash mob di martedì 13 novembre nelle piazze dei capoluoghi di regione.

Le parole di Di Maio

Il vicepremier ha apostrofato i giornalisti come ‘infami sciacalli’. Matteo Renzi ha definito come squallide e ingrate le parole di Di Maio e Di Battista che hanno accusato i giornalisti di infangare le notizie riguardanti il Movimento 5 stelle. Secondo l’ex Presidente del Consiglio, le parole di Di Maio sono
ingrate, considerando quello che i giornalisti hanno fatto per loro”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche