Ballottaggi, i risultati: Livorno e Prato al Pd, Ferrara alla Lega
Politica

Ballottaggi, i risultati: Livorno e Prato al Pd, Ferrara alla Lega

Gli esiti dello spoglio per i 136 comuni al voto per il ballottaggio delle elezioni comunali di Domenica 9 Giugno 2019.

L’affluenza alle urne per il ballottaggio delle elezioni comunali di Domenica 9 Giugno 2019 alle ore 23 si aggira attorno al 53,26%. Alle ore 19 l’affluenza era di circa 37.4% degli aventi diritto. Anche se in forte calo rispetto al primo turno di Domenica 26 Maggio 2019 gli elettori interessati sono stati complessivamente oltre 3,6 milioni. Tra le regioni che restano in cima per affluenza troviamo Emilia-Romagna, Liguria e Lombardia. Flop totale invece per Puglia, Lazio e Campania.

I 136 comuni al voto

Sono 136 i comuni andati al ballottaggio per il secondo turno delle elezioni comunali e amministrative di Domenica 9 Giugno 2019. Tra questi troviamo vari scenari interessanti, soprattutto nelle città di: Potenza, Campobasso, Ascoli Piceno, Avellino, Biella, Cremona, Ferrara, Foggia, Forlì, Livorno, Prato, Reggio Emilia, Rovigo, Verbania e Vercelli.

Da non sottovalutare inoltre ci sono i comuni di Gioia Tauro, Castel Volturno, Casal di Principe, Carpi, Cesena, Civitavecchia, Dalmine, Cormano, Rozzano, Paderno Dugnano, Recanati, Fano, Novi Ligure, Rivoli, Settimo Torinese, Piombino, Rosignano Marittino ed infine Foligno, Gubbio e Orvieto.

Lo spoglio

Sembra andare verso una direzione chiara Livorno, con oltre il 63% dei voti la città sceglie il candidato del Partito Democratico Luca Salvetti.

Il suo antagonista Andrea Romiti, leghista, sfiora circa il 37%. Il centrosinistra sembra avvantaggiato anche nell’altra città toscana Prato con il candidato del PD Matteo Biffoni che tocca il 56%. Un’altra storia invece quella a Ferrara dove la Lega fa il colpo grosso e la città passa a destra dopo 69 anni. Alan Fabbri è il nuovo sindaco con il 56,77% dei voti. Campobasso ha il nuovo sindaco: è il pentastellato Roberto Gravina che ha doppiato in percentuale il candidato del centrodestra (in quota Lega) Maria Domenica D’Alessandro. A Potenza è ancora testa a testa ma Guarente ha superato, dopo 72 sezioni scrutinate su 77, Tramutoli con il 50,95% contro il 49,05%. Ad Avellino trionfa Gianluca Festa con il 51,52 % dei voti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Bruto
Marco Bruto, nato a Milano l'11 novembre 1995, laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Ho effettuato un tirocinio presso TMS, gruppo specializzato nella gestione di testate giornalistiche. Completano il mio profilo una forte passione per il giornalismo, i viaggi, la cronaca e gli esteri.