×

Bonafede: “Giuseppe Conte dimostra che il cambiamento è possibile”

Il premier "ha saputo dimostrare agli italiani e al mondo intero che il cambiamento è possibile e addirittura a portata di mano".

alfonso bonafede giuseppe conte
alfonso bonafede giuseppe conte

Nella serata di martedì 20 agosto 2019 il premier Giuseppe Conte è salito al Quirinale per rassegnare le dimissioni davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Infatti, dopo 5 ore di discussione nell’aula del Senato, il presidente del Consiglio ha riferito: “Questo governo si arresta qui”. Poi ha proseguito il suo discorso con un duro attacco al ministro degli Interni. Infine, è salito al Quirinale. Ora si attendono le consultazioni che prenderanno il via da domani, mercoledì 21 agosto. Nel frattempo, però, dal social arriva il commento di Alfonso Bonafede al discorso del premier Giuseppe Conte in Senato. “Il discorso di oggi di Giuseppe Conte avvicina il popolo italiano alle istituzioni. La verità delle sue parole mortifica le menzogne pronunciate da chi ha provocato la crisi pur tenendo stretta la poltrona di ministro”. Vediamo il suo messaggio.

Bonafede commenta il discorso di Conte

Alfonso Bonafede (M5s) ha lasciato il suo commento sulla crisi di Governo che è entrata nel vivo con le dimissioni del premier Giuseppe Conte.

Arriva da Facebook il suo messaggio, che recita: “Dire che Giuseppe Conte “si auto-stacca la spina” vuol dire insultare l’intelligenza degli italiani”. Bonafede prosegue poi spiegando che “tutti hanno assistito ad una crisi innescata ad agosto per ingordigia di poltrone esponendo il Paese a molteplici rischi”. Tuttavia precisa, “chi ha dimostrato di non tenere alla sua poltrona è il Presidente del Consiglio”.

Giuseppe Conte, secondo Alfonso Bonafede, “più di ogni altro predecessore, ha saputo dimostrare agli italiani e al mondo intero che il cambiamento è possibile e addirittura a portata di mano. Basta lavorare ogni giorno con onestà, competenza, impegno e dignità. È proprio quello che abbiamo fatto in 14 mesi, fino a quando la Lega ha deciso di strappare il contratto di governo”.

La Lega – continua – ha tradito gli italiani e ha scelto di non continuare questa esperienza di governo che stava portando tanti risultati. Adesso, dopo aver gettato il paese nel caos, si prenda le proprie responsabilità. Perché i suoi ministri non si sono ancora dimessi?!”.


Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche