×

Dimissioni Luigi Di Maio, scoppia il caos nel governo: cosa succede ora

Condividi su Facebook

Con le dimissioni rassegnate da Di Maio per il governo la strada è in salita: le opposizioni ribadiscono che l'esecutivo è "alle battute finali".

dimissioni di maio governo
dimissioni di maio governo

Luigi Di Maio ha rassegnato le dimissioni da capo politico di M5s nella serata di mercoledì 22 gennaio 2020, dopo due anni e 4 mesi trascorsi alla guida dei cinque stelle. Con un gesto ironico (togliendosi la cravatta), Di Maio ha lasciato Roma assicurando a tutti che non si allontanerà dal partito, ma anzi sarà presente anche agli Stati generali previsti a marzo. Giuseppe Conte ha espresso rammarico per la scelta del collega; mentre dalle opposizioni rimarcano un “governo alle battute finali”.

Governo dopo le dimissioni Di Maio

Fiducia è la parola chiave del discorso tenuto da Luigi Di Maio per rassegare le sue dimissioni da capo politico di M5s: “Il governo – ha assicurato – va avanti”. Non la pensano allo stesso modo Giorgia Meloni e Matteo Salvini, secondo i quali “il governo è finito”.

Il leghista, in particolare descrive la situazione attuale: “Il ministro degli Esteri abbandona i Cinque Stelle al tracollo, Zingaretti annuncia lo scioglimento del Pd, Renzi litiga con tutti”.

A Porta a Porta, inoltre, ribadisce: “Io non me la prendo con Di Maio che ha 33 anni ma con il signor Grillo che ha portato alla fine dei Cinquestelle, non so se per motivi politici o personali. Perché questa è la fine dei M5s“.

La leader di FdI, invece, esprime il suo commento via Twitter invocando nuove elezioni: “Assistiamo alle battute finali di un esecutivo fantoccio”.

“Un governo – prosegue ancora la Meloni – nato nel palazzo al solo scopo di non far decidere agli italiani da chi vogliono essere rappresentati. Fratelli d’Italia non ha alcuna intenzione di stare in silenzio: elezioni subito per dare alla nazioni un governo forte e coeso”.

Il commento di Giuseppe Conte

Giuseppe Conte, invece, accoglie con rammarico le dimissioni di Luigi Di Maio e con un messaggio su Facebook spiega che “la decisione di Di Maio non avrà alcuna ripercussione sulla tenuta dell’esecutivo e sulla solidità della sua squadra”.

Inoltre, il premier accoglie “con doveroso rispetto” la decisione. Infine, chiarisce: “Con Luigi Di Maio continueremo a lavorare fianco a fianco fino al 2023”.

L’alleato Nicola Zingaretti (Pd) parla invece di una “scelta difficile che rispettiamo”. “Non mi permetto di interferire sulla vita interna del partito – aggiunge ancora -, mi dispiace perché si è avviato un processo politico. Per loro come per altre forze di maggioranza è arrivato il momento delle scelte, non si può governare tra avversari“.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
TOMMASO GALLO

L’unica speranza di cambiamento era con i 5 stelle e DI MAIO i suoi compagni di viaggio una volta assaggiato il sapore dei soldi hanno tradito le speranze di molti italiani che incominciavano a credere in una Italia migliore non andrò più a votare sono proprio tutti uguali


Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche