×

Coronavirus, Conte spinge sugli Eurobond: “Italia è stata lasciata sola”

Condividi su Facebook

Il premier Conte frena sul Mes e rilancia gli Eurobond, ricordando anche che l'Italia è stata lasciata da sola di fronte all'emergenza.

coronavirus conte valuta la chiusura totale in lombardia
coronavirus conte focolaio

In un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung, il premier Conte ribadisce come l’Italia, in un momento di emergenza a causa del coronavirus, sia stata lasciata da sola. “Anche Ursula von der Leyen si è scusata per questo a nome dell’Unione europea, nell’Europarlamento – ha poi aggiunto -.

Devo dire che ho molto apprezzato questo gesto”. Il presidente del Consiglio e la presidente della Commissione hanno avuto un colloquio telefonico alle ore 23 di domenica 19 aprile. I due leader hanno discusso sulla risposta europea alle conseguenze sociali ed economiche dell’emergenza da Covid-19.

Sullo scontro sul Mes e sugli Eurobond, invece, il presidente del Consiglio torna a ribadire come l’Ue abbia bisogno “di tutta la sua potenza di fuoco” in risposta alla crisi economica in atto, “nello specifico attraverso l’emissione di titoli comuni”.

Quello del coronavirus è “il più grande shock dalla guerra” e “a questo anche l’Europa deve dare una risposta“.

Conte: “L’Italia lasciata da sola”

L’Unione Europea deve dare una risposta alla crisi portata dal coronavirus e questa risposta deve essere tempestiva.

Giuseppe Conte, in un’intervista per un giornale tedesco, ha ribadito come l’Italia sia stata lasciata da sola a combattere contro l’emergenza, mentre l’unità nei momenti di difficoltà è la chiave vincente. Il Mes – ha aggiunto anche – è inadeguato a fronteggiate una delle crisi peggiori dal secondo dopoguerra. La soluzione, al contrario, potrebbe essere l’emissione di titoli comuni.

Questa è la linea del premier, che ricorda anche l’utilizzo del Mes per fronteggiare la crisi greca: “Non abbiamo dimenticato che ai greci, nell’ultima crisi finanziaria, sono stati richiesti sacrifici inaccettabili perché ottenessero i crediti”.


Di qui nasce la sfiducia degli italiani dell’Ue, “dal fatto che ci sentiamo abbandonati proprio dai Paesi che traggono vantaggi da questa Unione”. “Prendiamo l’esempio dell’Olanda – ha detto Conte -, che con il suo dumping fiscale attrae migliaia di multinazionali”.

O anche la Germania, che guarda ad oggi solo ai suoi vantaggi: ha “un bilancio commerciale superiore a quanto prevedano le regole dell’Ue” e con questo surplus non opera da locomotiva ma da “freno per l’Europa”, ha aggiunto il premier italiano.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

3
Scrivi un commento

1000
3 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
br 834 molestatore camionista in passeggio provoca

Finiamo di menar il camp per l’aia…..non serve a nulla

de 626 molestatore camionista in passeggio provoca

io sono pro conte

Cipollo

In effetti è stata l’Italia e gli Italiani a restare re soli .. a tutt’ora… non tu.. Imbecille! Verranno a trovarvi il tempo è scaduto.


Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.