×

Nuovo decreto Covid: le misure in vigore fino al 15 gennaio 2021

Via libera al nuovo decreto Covid in vigore dal 7 al 15 gennaio: istituita la zona arancione nel weekend e vietato muoversi tra regioni.

consiglio dei ministri 768x459

Si è concluso a notte inoltrata il Consiglio dei Ministri che ha approvato un nuovo decreto Covid contenente le misure restrittive in vigore in Italia dal 7 al 15 gennaio 2021. Tra queste il divieto di spostamento tra regioni e province autonome (a meno che non sia motivato dalle consuete comprovate esigenze) e l’istituzione della zona arancione nel weekend del 9 e 10 gennaio con bar e ristoranti chiusi.

Nuovo decreto Covid: le misure

Secondo quanto contenuto nella bozza del nuovo decreto, visionata da Fanpage, il provvedimento prevede che nel fine settimana sia comunque consentito, come già durante le vacanze natalizie, muoversi dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti entro 30 chilometri dai relativi confini ed evitando i capoluoghi di provincia. Il testo conferma poi le misure relative a zone gialle, arancioni e rosse, specificando che in queste ultime sarà possibile spostarsi, una sola volta al giorno e in un massimo di due persone (esclusi i figli minori di 14 anni e i soggetti non autosufficienti), verso un’abitazione della propria regione.

Il testo interviene inoltre sulla riapertura delle scuole, rinviata all’11 gennaio dopo le tensioni con i governatori di regione, alcuni dei quali l’hanno direttamente posticipata alla fine del mese. Il rientro in aula riguarderò il 50% degli studenti, mentre i restani continueranno con la didattica a distanza.

Il decreto contiene poi un articolo sul piano di somministrazione del vaccino anti Covid prevedendo in particolare specifiche procedure per l’espressione del consenso alla somministrazione del trattamento per gli ospiti di residenze sanitarie assistite privi di tutore, curatore o amministratore di sostegno e che non siano in condizione di poter esprimere un consenso libero e consapevole alla somministrazione.

Contents.media
Ultima ora