×

Francesco Paolo Figliuolo è il nuovo commissario straordinario per l’emergenza Covid

Dopo Angelo Borrelli, Mario Draghi sostituisce anche Domenico Arcuri: Francesco Paolo Figliuolo è il nuovo commissario straordinario.

francesco paolo figliuolo

Nuovo cambio ai vertici degli organi preposti a combattere la pandemia in Italia. Dopo Angelo Borrelli (sostituito da Fabrizio Curcio come capo della Protezione Civile), è la volta di Domenico Arcuri: il premier Mario Draghi ha nominato il generale Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19.

Si è rivelata dunque un’ipotesi infondata quella che vedeva il capo della Polizia Franco Gabrielli in corsa per il posto di Arcuri con l’obiettivo di imprimere un’accelerazione alla campagna vaccinale e iniettare almeno mezzo milione di dosi al giorno.

Il nuovo commissario straordinario all’emergenza Covid

La notizia è stata diffusa nel primo pomeriggio di lunedì primo marzo (in concomitanza con il giuramento dei sottosegretari e viceministri del governo Draghi) tramite un comunicato in cui il neo presidente del Consiglio ha ringraziato a nome di tutto il governo l’ormai ex commissario Arcuri per “l’impegno e lo spirito di dedizione con cui ha svolto il compito a lui affidato in un momento di particolare emergenza per il Paese“.

Metterò tutto me stesso e tutto l’impegno possibile per fronteggiare questa pandemia. Lavorerò per la nostra Patria e i nostri connazionali” ha commentato il generale Figliuolo, per cui la nomina è stata “un fulmine a ciel sereno. Per me una grande attestazione“.

Chi è Francesco Paolo Figliuolo

Originario di Potenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo ha conseguito tre lauree (in Scienze Politiche presso l’Università di Salerno, in Scienze Strategiche e in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università di Trieste).

Ha pubblicato diversi articoli di geopolitica per la pubblicistica della Difesa come “Informazioni della Difesa dello Stato Maggiore Difesa” e “Rivista Militare dell’Esercito Italiano”.

Nel corso della sua lunga carriera ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio tra le fila dell’Esercito italiano. È stato Capo ufficio generale del Capo di Stato maggiore della Difesa, comandante del Contingente italiano in Afghanistan durante l’operazione ISAF e Comandante delle Forze NATO in Kosovo tra il settembre 2014 e l’agosto 2015.

Nel novembre 2018 è stato nominato Comandante logistico dell’esercito.

Per il suo impegno a servizio della nazione è stato insignito di svariate onorificenze, tra cui la Decorazione di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia, la Croce d’Oro, la Croce d’Argento al Merito dell’Esercito e la nomina a commendatore al Merito della Repubblica Italiana.

Le reazioni della politica

La nomina del generale Figliuolo è stata accolta con entusiasmo dagli esponenti dei partiti di governo, di ogni colore politico. “Missione compiuta” si legge sul profilo Twitter del leader della Lega Matteo Salvini.

Soddisfatto anche Matteo Renzi: “La scelta del presidente Draghi va finalmente nella direzione che Italia Viva chiede da mesi. Bene! Servizi segreti, vaccini, Recovery plan: buon lavoro al Governo Draghi“.

Contents.media
Ultima ora