×

Pornhub, attacco hacker: milioni di utenti a rischio virus attivo per un anno

Un gruppo di Hacker ha lanciato un attacco virtuale contro il noto sito pornografico di Pornhub. A rischio milioni di utenti.

default featured image 3 1200x900 768x576

È da poche ore fa la notizia, pubblicata dal Guardian e da altre testate internazionali, di un massiccio attacco di hacker contro gli utenti internet, che sta avvenendo attraverso i server di uno dei siti più conosciuti al mondo: Pornhub, uno dei siti più famosi e cliccati a livello mondiale nel settore pornografico, con oltre 70 milioni di utenti giornalieri, secondo le stime rivelate a Marzo scorso dal vicepresidente Corey Price.

A confermare la notizia del giornale inglese è stata l’agenzia privata di sicurezza Proofpoint. Gli autori del colpo sono riconducibili a un gruppo di hacker, noto nell’ambiente con il nome di “KovCoreG”.

Gli internet browser colpiti dagli hacker

La strategia di attacco usata dagli hacker è, apparentemente, semplice: hanno usato un malware virus, chiamato “Kovter”. Agli occhi dei milioni di utenti colpiti dall’attacco simultaneo, il virus si è presentato come un necessario update dei browser: pare che, secondo l’agenzia Proofpoint, varie versione del virus siano state appositamente e specificatamente studiate per i vari tipi di browser di internet attualmente in utilizzo dagli utenti: Google Chrome e Mozilla FireFox; ma anche Safari della Apple non è stato risparmiato dall’attacco.

Ad essere colpiti sono stati gli utenti di paesi come il Canada, gli Stati Uniti, Regno Unito e Australia.

Gli utenti che accedevano al sito di Pornhub, trovavano un pop-up che consigliava loro di aggiornare il browser, chiedendo loro semplicemente di cliccare su di un apposito link: ingenuamente e incautamente lo hanno scaricato e installato sui propri computers. Il risultato è stato l’installazione di un malware che continuamente e in maniera del tutto nascosta continuava a cliccare su di alcune pubblicità, rimandandoli a pagine web appositamente studiate.

Lo scopo di tale attacco è quello di generare illecitamente guadagni e proventi tramite la diffusione di queste pubblicità. Una truffa bella e buona per fare soldi senza muovere un dito.

Fortunatamente la società di sicurezza Proofpoint ha individuato velocemente la diffusione del virus ed è riuscito a contenere in breve tempo questo attacco.

Un pericolo sventato

Attacco che avrebbe potuto avere conseguenze devastanti, e che ha svelato due grandi debolezze strutturali nel sistema di sicurezza della rete: 1) l’attacco degli hacker della “KovCoreG” e la diffusione del virus, è stato massiccio e veloce, aiutati in questo dalle pagine del sito hard in questione; 2) il numero dei visitatori (nel 2016 è stato registrato un traffico sul sito di Pornhub per la bellezza di 23 miliardi di visite totali) del sito avrebbe potuto scatenare una incontrollata epidemia virtuale.

A quel punto qualcuno avrebbe potuto ulteriormente potenziare il virus “Kovter” e dotarlo di funzionalità simili ai Trojan o a un Ransomware, utilizzati spesso per rubare dati sensibili e personali agli incauti navigatori del web.

Fortunatamente l’intervento della Proofpoint e il suo servizio di protezione del sito Pornhub, hanno sventato il tentativo di truffa degli hacker. Nel 2015 fu fatto un tentativo di hacking simile, che però fortunatamente, non riuscì.

Contents.media
Ultima ora