×

Possibile fuga radioattiva, Hong Kong: livello radiazioni normali

Roma, 15 giu. (askanews) – La governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, ha affermato che il governo monitora i livelli di radiazioni nei serbatoi e che “tutto è nella norma”. Una dichiarazione che segue quanto pubblicato dalla stampa americana in merito a una potenziale fuga radioattiva dalla centrale nucleare cinese di Taishan, nella popolosa provincia costiera del Guangdong, al confine con Honk Kong.

“Il governo di Hong Kong presta grande attenzione. Disponiamo di un sistema di sorveglianza permanente.

Diversi dipartimenti lavorano insieme per sorvegliare i livelli di radiazioni a Hong Kong”.

“Il principale dipartimento responsabile di questa sorveglianza è l’Osservatorio di Hong Kong. E il dipartimento dei rifornimenti d’acqua controlla i livelli di radiazioni nei serbatoi. Da ieri sera tutto è nella norma e nei limiti del normale”, ha sottolineato la governatrice.

“La situazione attuale della centrale nucleare di Taishan risponde alle esigenze delle specifiche tecniche – ha confermato il portavoce del ministero cinese degli Affari Esteri, Zhao Lijian, sottolineando che – Non c’è alcuna anomalia nell’ambiente di radiazioni attorno alla centrale nucleare e la sicurezza è garantita”.

La centrale nucleare Epr (European Pressurized Reactor o Evolutionary Power Reactor) di Taishan è stata costruita con il gruppo francese Edf nel Sud della Cina ed è attualmente sotto sorveglianza per un problema di impermeabilità di un reattore ad acqua pressurizzata di terza generazione, ma le emissioni di gas nell’atmosfera sono nei limiti autorizzati, hanno garantito Edf e l’operatore cinese.

“Edf è stata informata dell’aumento della concentrazione di certi gas rari nel circuito primario del reattore nr 1 della centrale nucleare di Taishan detenuta e gestista da TNPJKVC, jont venture di Cgn (China General Nuclear Power Group, 70%) e Edf (30%)”, ha spiegato il gruppo francese in un comunicato, dopo che la Cnn ha riferito di una potenziale fuga radioattiva dal sito.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora