> > Presidente della Federcaccia ucciso da un bufalo durante una battuta di caccia

Presidente della Federcaccia ucciso da un bufalo durante una battuta di caccia

Mario Alberto Canales Najjar

Il presidente della Federcaccia argentina aveva sparato al bufalo, ma l'animale non è morto e l'ha ucciso.

Uno scherzo del destino ha portato alla morte del presidente della Federcaccia argentina.

L’uomo stava cacciando ed ha sparato ad un bufalo. L’animale attaccato però è sopravvissuto ed ha ucciso il suo cacciatore.

Presidente della Federcaccia ucciso da un bufalo durante una battuta di caccia

La vittima è Mario Alberto Canales Najjar, 64 anni e presidente della Federcaccia argentina. La tragedia è avvenuta a 200 km di Buenos Aires, in una zona privata dove cacciare e non accessibile ad autoambulanze.

Proprio questa caratteristica non ha lasciato scampo al presidente di Federcaccia. L’uomo era armato fucile calibro .408 ed era in Uruguay a Punta Caballos. Le forze dell’ordine stanno indagando per capire se il cacciatore avesse i permessi in regola per cacciare bufali in quell’area.

La corsa in ospedale e il decesso

Dopo aver avvistato un bufalo, Mario Alberto Canales Najjar ha deciso di puntarlo e ucciderlo. Il cacciatore non ha colpito un punto vitale dell’animale e questo, innervosito, si è difeso incornando e colpendo ripetutamente Canales Najjar.

L’uomo non è morto al momento dell’attacco del bufalo e infatti è stato portato in ospedale da una vettura privata. Arrivato al pronto soccorso, però, non c’era più nulla da fare per il cacciatore che è deceduto per le ferite riportate. I medici, una volta analizzato il corpo tramite esame autoptico, hanno trovato fratture costali e dello sterno ed ematomi retroperitoneali.