×

Quarta dose vaccino anti-Covid, lo studio israeliano: “Poco efficace contro Omicron”

In Israele, un recente studio ha dimostrato che la quarta dose di vaccino anti-Covid appare poco efficace nel contrastare la variante Omicron.

quarta dose

In Israele, una nuova ricerca effettuata presso lo Sheba Medical Center, ha dimostrato che la quarta dose di vaccino sintetizzato contro il coronavirus non protegge in modo adeguato contro la variante Omicron.

Quarta dose vaccino anti-Covid, i dettagli dello studio israeliano

In considerazione dei risultati preliminari emersi contestualmente a una nuova ricerca condotta presso lo Sheba Medical Center di Israele, i vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna sono soltanto parzialmente efficaci contro la variante Omicron, nonostante la produzione di anticorpi innescata nell’organismo.

Al momento, lo studio si basa su un campione particolarmente ristretto di volontari ma rappresenta la prima indagine effettuata sulla quarta dose di vaccino anti-Covid somministrata alla popolazione.

Le informazioni relative ai risultati preliminari della ricerca sono state diramate dallo Sheba Medical Center attraverso una nota ufficiale.

Quarta dose vaccino anti-Covid, lo studio israeliano: campione ristretto

Secondo quanto riferito dalla nota diffusa dall’ospedale israeliano, per lo studio sono stati coinvolti 154 mediciregolarmente impiegati presso lo Sheba Medical Center che hanno ricevuto la quarta dose di vaccino Pfizer e altri 120 medici che hanno deciso di offrirsi come volontari e hanno ricevuto la quarta dose di vaccino Moderna.

I risultati, seppur raccolti su un campione estremamente ristretto, hanno dimostrato che, a distanza di una settimana dalla vaccinazione, coloro che erano stati vaccinate con tre dosi di Pfizer e in quarta dose con Moderna presentavano un incremento dei livelli di anticorpi simili a coloro che avevano ricevuto tre dosi di Pfizer ed erano stati vaccinati anche in quarta dose con Pfizer.

Quarta dose vaccino anti-Covid, lo studio israeliano: “Poco efficace contro Omicron”

In relazione allo studio condotto dallo Sheba Medical Center, si è espressa la direttrice dell’Unità malattie Infettive dell’ospedale, la professoressa Gili Regev-Yochay, che ha coordinato l’indagine.

La professoressa ha commentato i dati registrati nel seguente modo: “L’aumento dei livelli di anticorpi che abbiamo visto sia con Moderna che con Pfizer è leggermente superiore a quello visto dopo la terza dose di vaccino di richiamo.

Ma, malgrado la crescita del livello di anticorpi, la quarta dose offre soltanto una difesa parziale contro il virus. Abbiamo visto molte persone infettate con Omicron dopo la quarta dose”.

La direttrice dell’Unità malattie infettive dello Sheba Medical Center, inoltre, ha dichiarato: “Il vaccino è eccellente contro le varianti Alfa e Delta, ma non abbastanza contro Omicron”.

Secondo l’esperta, tuttavia, è comunque opportuno inoculare la quarta dose di vaccino anti-Covid ai soggetti fragili.

Contents.media
Ultima ora