Allegri, Juventus-Real Madrid "Non meritavamo la sconfitta"
Allegri, Juventus-Real Madrid “Non meritavamo la sconfitta”
Sport

Allegri, Juventus-Real Madrid “Non meritavamo la sconfitta”

Conferenza stampa Real Madrid - Juventus
Conferenza stampa Real Madrid - Juventus

Mister Allegri scioglie i dubbi legati al modulo in conferenza stampa "Difesa a 4, per noi sarà una partita secca"

L’andata dei quarti di finale di Uefa Champions League ha segnato nella mente e provato nel corpo la Juventus di Massimiliano Allegri che reduce dal 3-0 rimediato all’Allianz Stadium, deve compiere il miracolo calcistico al Santiago Bernabeu per poter proseguire il proprio cammino nella competizione europea. “Chi non ci crede resti a casa” queste le parole del tecnico bianconero alla vigilia del match a Madrid. I blancos rispondono tramite le parole di Varane: il difensore francese commenta l’assenza di Sergio Ramos come un problema facilmente risolvibile vista la competitività della rosa di Zidane poi però confessa il suo rispetto e la sua stima verso Gonzalo Higuain, il numero 9 della Vecchia Signora.

Le certezze di Allegri

Un match che, singolarmente, non è degno di alcun pronostico e non assume i connotati certi di una partita la cui natura è già decisa. L’unica certezza sembra averla Allegri a proposito dello schema difensivo: sarà difesa a quattro con De Sciglio, Alex Sandro, Benatia e Chiellini come interpreti.

L’attacco? Data l’assenza di Paulo Dybala per squalifica, probabilmente verrà affidato al tandem MandzukicHiguain in una soluzione da 4-3-3, con il possibile affiancamento di un giocatore tra Douglas Costa e Cuadrado e la conseguente evoluzione del modulo.

Conferenza stampa di Massimiliano Allegri

Il tecnico dei bianconeri chiarisce la volontà e l’obbiettivo che ha imposto alla squadra: “Il dovere che ha la Juventus è quello di cancellare il 3-0 dell’andata, interpretare questo match come una partita secca, e fare di tutto per assicurarsi un risultato positivo”. Le domande dei cronisti non possono non soffermarsi sulle sensazioni e sulle aspettative che legavano il tecnico toscano e la sua squadra la destino della Champions League, e conseguentemente a quello del Real Madrid: “Nessuno poteva immaginare di andare sotto con il Real a pochi minuti dall’inizio, così come nessuno si aspetta una Juventus in vantaggio nei primi minuti del match di domani.

La scelta del modulo

Dobbiamo giocare la partita senza pensarci, dobbiamo essere bravi e fortunati non dimentichiamoci che è un quarto di finale di Champions League”. Dubbi di modulo risolti in conferenza stampa, dove Allegri conferma l’indiscrezione secondo cui la Juventus andrà a schierare 4 difensori, ma poi precisa:”La fase difensiva deve migliorare, dobbiamo ritrovare la solidità”.

Quante probabilità ha la Juventus di passare il turno?

Massimiliano Allegri risponde alle curiosità legate all’assegnazione di una percentuale al successo e all’effetto del passaggio del turno: “La Juventus ha poche possibilità di passare il turno. Percentuali? Si gioca alle 20.45, vediamo cosa succede”. Il tecnico della Juve, nonostante i rumors confermino il momento di nervosismo di Zidane per il clima euforico che si sta vivendo Madrid, commenta così:” Il Real farà una partita seria, i match possono cambiare in un attimo, noi dobbiamo concentrarci solo su noi stessi. Non possiamo pensare di poterla ribaltare sin da subito, la Juventus non ha meritato il 3-0 dell’andata, abbiamo preparato una partita diversa da tutte quelle preparate fin ora”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Diadora Tapis Roulant-Star 1000 Rigenerato
229 €
489 € -53 %
Compra ora
GUNA Rimedio di soccorso 10ml
8.79 €
Compra ora
Francesco Leone
Francesco Leone 118 Articoli
Francesco Leone, classe '94, cresciuto a pane, pallone e politica. Leccese in terra meneghina, braccia strappate alla cronaca sportiva e donate al reporting nudo e crudo, anche se spesso e volentieri ritorna alle origini. Ha fatto l'autore, il cronista, il reporter e lo stagista per una televisione nazionale, ora scrive e lavora a inchieste e reportage. Veni, vidi, dixi.