×

Rezza: “Varianti inglese e brasiliana generano molti focolai tra i bambini”

Gianni Rezza ha lanciato l'allarme sulla diffusione delle varianti e sul fatto che stiano generando molti focolai anche tra i bambini.

Rezza focolai bambini

Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza ha fatto il punto sulla situazione epidemiologica italiana e si è detto preoccupato per le varianti inglese e brasiliana che hanno dato origine a focolai anche tra i bambini e gli adolescenti. 

Rezza sui focolai tra i bambini 

Intervenuto in conferenza stampa, l’esperto ha affermato che la mutazione brasiliana è concentrata in particolare nell’Italia centrale con punte del 20%. “Uno sforzo di contenimento di questa variante va fatto. Le misure riescono ad arginare in parte la corsa di queste varianti che pero fatichiamo a contenere“, ha aggiunto. 

Sia questa che quella britannica, ha continuato, hanno inoltre generato molti focolai anche tra i bambini più piccoli e gli adolescenti e ci sono dati umbri che mostrano incidenze molto elevate.

I bambini, ha spiegao, hanno in generale un’espressività di malattia clinica minore, anche se non assente. Non è invece accertato se le nuove varianti possano comportare un aumento dell’espressività e gravità clinica. Secondo alcuni studi, ha evidenziato, i bambini in età scolare possono arrivare a contrarre per un 25% del totale della trasmissione secondo alcuni studi. 

Quanto all’evoluzione dell’epidemia in Italia, Rezza ha parlato di una situazione in miglioramento pur con un indice Rt ancora vicino all’1 e un’incidenza ancora elevata.

Inoltre, dato più preoccupante, “resta elevatissimo il tasso di occupazione in terapia intensiva, ora al 41%“. Ci sono quindi segnali che mostrano che da una parte l’infezione sta leggermente diminuendo ma che dall’altro il carico sui servizi assistenziali resta pesante.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora