×

Russia, le prime sette società che falliranno per effetto delle sanzioni occidentali

Ci sono sette società russe che stanno iniziando a rischiare il fallimento a causa delle sanzioni che sono arrivate dall'Occidente.

Russian Railways

Ci sono sette società russe che stanno iniziando a rischiare il fallimento a causa delle sanzioni che sono arrivate dall’Occidente. 

Russia, le prime sette società che falliranno per effetto delle sanzioni occidentali

Sette grandi aziende statali russe sono sull’orlo del fallimento a causa delle sanzioni economiche dell’Occidente contro Mosca. Si va dall’azienda postale Russian Post a quella delle ferrovie Russian Railways, passando per la società dedicata allo sviluppo immobiliare e di design delle città Urban Development Corporation. L’azienda internazionale di valutazione del credito e rating ha abbassato quest’ultimo per tutte loro da “B” a “C”, livello che segnala l’imminente fallimento.

La mossa arriva dopo il declassamento del rating sovrano della Russia, ovvero le condizioni economiche generali del Paese, al grado “C”. “Sebbene molti emittenti abbiano ampia liquidità disponibile per le loro esigenze di servizio del debito in valuta locale, l’agenzia ritiene che il debito in valuta locale non possa avere rating più elevati del debito in valuta estera” si legge nel report di Fitch. Le valutazioni riguardano SC Russian Post, Russia Housing and Urban Development Corporation JSC, JSC Russian Railways, OJSC Svyazinvestneftekhim, Federal Passenger Company, Rusnano, Avtodor.

Le aziende colpite sono “strategiche”

Quelle colpite dalle sanzioni sono grandi aziende, alcune inserite nell’elenco statale delle “imprese strategiche” dallo stesso Putin. Russian Post è il principale operatore postale del Paese, con 390mila impiegati e più di 42mila uffici, oltre al 50% delle azioni di “Pochta Bank”. Russia Housing and Urban Development Corporation si occupa dal 1968 di sviluppare prgetti per ambienti cittadini confortevoli. Russian Railways rappresenta le ferrovie di Stato.

I dipendenti sono 835.000, con 85.000 chilometri di binari. La compagnia determina il 3,6% del Pil della Russia. OJSC Svyazinvestneftekhim è una holding di investimento controllata dalla Repubblica del Tatarstan, di cui cura lo sviluppo economico. Rusnano si occupa di nanotecnologie e nano-industria. Avtor è la società russa che si occupa di infrastrutture e servizi autostradali. 

Contents.media
Ultima ora