> > Sigarette: quando e come aumenteranno i prezzi nel 2023

Sigarette: quando e come aumenteranno i prezzi nel 2023

Sigarette

Prezzi più alti per le sigarette e il tabacco nel 2023. Il governo Meloni ha deciso di aumentare il costo con la legge di Bilancio.

Il governo Meloni ha deciso di aumentare il prezzo delle sigarette con la legge di Bilancio, a partire dal 2023. 

Sigarette: quando e come aumenteranno i prezzi nel 2023

Nel 2023 le sigarette e il tabacco avranno prezzi più alti. Il governo Meloni ha deciso di aumentare il costo con la legge di Bilancio. Le nuove tasse sulle sigarette saranno leggermente più basse di quanto previsto, mentre crescerà di più il prezzo del tabacco trinciato. Il governo ha deciso di intervenire sul costo delle sigarette con la manovra, emendamneto presentato in commissione Bilancio alla Camera che prevede un minor incremento per i pacchetti di sigaretti compensato da una maggiore tassazione sui pacchi di tabacco.

Cambieranno anche le accise. Da gennaio un pacchetto di sigarette costerà di più, ma meno del previsto, mentre il tabacco aumenterà notevolmente di prezzo. 

Quanto costeranno le sigarette?

Negli ultimi due anni il costo delle sigarette e del tabacco non è aumentato. Poi è arrivata la legge di Bilancio 2023, che nella sua prima versione ha introdotto aumenti triennali. Si sarebbe dovuti passare da 23 a 36 euro di accise per mille sigarette nel 2023, poi a 36,50 euro nel 2024 e a 37 euro nel 2025.

Sarebbe stato un aumento di 20 centesimi a pacchetto da 20 nel 2023, poi altri 10 centesimi nel 2024 e altri 15 nel 2025. Per il tabacco erano previsti aumenti da 10-15 centesimi nei prossimi quattro anni. L’emendamento però prevede una riduzione degli aumenti per un pacchetto di sigarette. Gli aumenti per le sigarette non saranno a 36, ma a 28 euro. Di conseguenza si pageranno 36 euro per mille sigarette nel 2023, 28,2 euro per mille sigarette nel 2024 e 28,7 euro per mille sigarette nel 2025.

Se prendiamo come riferimento un classico pacchetto da 5 euro il suo prezzo salirà di 10-12 centesimi invece che 20.