×

Tokyo 2020, primo caso Covid al Villaggio Olimpico a sei giorni dall’inizio dei Giochi

Le autorità hanno accertato la presenza del primo caso positivo al Covid al Villaggio Olimpico di Tokyo: i Giochi iniziano tra sei giorni.

Caso Covid villaggio olimpico

Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo 2020 hanno reso nota la presenza di un caso positivo all’interno del villaggio olimpico: si tratta di un cittadino arrivato dall’estero e non di un atleta, già posto in isolamento in hotel.

Caso Covid al Villaggio Olimpico

La notizia, confermata dal portavoce del Comitato organizzatore dei Giochi Masa Takaya, arriva a sei giorni dall’inizio delle Olimpiadi. Si tratta del primo caso di contagio rilevato riferito ad un soggetto di cui le autorità non hanno reso nota l’identità. Per il momento si sa soltanto che è una persona proveniente da uno stato estero (non è stato detto quale per motivi di privacy) coinvolta nell’organizzazione dei Giochi che avranno luogo dal 23 luglio all’8 agosto.

Le autorità hanno spiegato che è stata portata in un hotel e posta in isolamento in attesa che risulti negativa. Toshiro Muto, CEO del comitato organizzatore, ha dichiarato in una conferenza stampa di non sapere se il soggetto contagiato era stato vaccinato o meno contro il Covid.

Caso Covid al Villaggio Olimpico: altri 40 contagi

La presidente di Tokyo 2020 Seiko Hashimoto, dal canto suo, ha affermato che “stiamo facendo tutto il possibile per prevenire qualsiasi focolaio ma, se dovesse svilupparsi un cluster, ci assicureremo di avere un piano in atto per rispondere“.

Il caso in questione è il primo riscontrato nel villaggio degli atleti ma si aggiunge agli altri circa 40 contagi rilevati tra persone coinvolte nei Giochi, sia cittadini giapponesi che stranieri.

Caso Covid al Villaggio Olimpico: la situazione in Giappone

Gli organizzatori delle Olimpiadi, che inizialmente avevano deciso di non permettere l’accesso agli spalti a tifosi non giapponesi, hanno reso noto che le sedi di Tokyo non avranno in generale spettatori a causa dell’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo la città.

L’agglomerato urbano che gravita intorno alla città raggiunge infatti 40 milioni di abitanti e i contatti che sarebbero indotti dall’affluenza dei tifosi sono stati giudicati eccessivamente rischiosi. Spettatori potranno invece essere presenti negli impianti dislocati in città meno colpite come Fukushima, Mijagi e Shizuoka.

Nella giornata di venerdì 16 luglio 2021 le autorità del Giappone hanno accertato più di 3.400 casi di Covid, 1.271 dei quali nell’area di Tokyo, che per il terzo giorno consecutivo ha registrato più di mille casi in 24 ore.

Contents.media
Ultima ora