×

Zaia: in Veneto non è ripresa onda contagi, no altre restrizioni

Milano, 4 lug. (askanews) – “Ieri abbiamo parlato di un cluster con 5 positivi. Vorrei ricordare che nonostante qualcuno abbia tentato di buttare benzina sul fuoco, stiamo parlando di 5 positivi di un focolaio importato; siamo andati a prenderci il virus in Serbia e ce lo siamo portati a casa in auto”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, commentando da Venezia gli ultimi sviluppi riguardanti il focolaio-Coronavirus vicentino.

“Detto questo, in Veneto non è ripresa l’onda di contagi – ha aggiunto Zaia -. Vedo che c’è una sorta di volontà di dare uno spaccato, a livello nazionale, che non è tanto coerente con quello che è accaduto”. “Il contagio di ieri è stato portato da fuori, non è nato in Veneto, perché appunto l’origine è stata un viaggio in auto che riporta a casa quattro persone positive, questo è quello che è accaduto – ha ribadito Zaia -. Il paziente 0 serbo sembra sia deceduto mercoledì, spero non sia vero ma ci dicono questo”.

– “Ieri ho annunciato che lunedì farò un’ordinanza per un controllo ancora più efficace dell’isolamento dei positivi e dei loro contatti stretti, ma non ho parlato di restrizioni rispetto alla libertà dei cittadini”, ha aggiunto.

Zaia ha anche annunciato la presentazione alla Procura di Vicenza una segnalazione al fine di valutare se vi siano eventuali elementi di indagine o profili di colpevolezza da parte dell’imprenditore vicentino che, pur essendo consapevole della propria positività al Coronavirus, ha ignorato le misure di contenimento, provocando la diffusione del contagio.

© Riproduzione riservata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Accordo di pace storico tra Israele ed Emirati Arabi
Video

Accordo di pace storico tra Israele ed Emirati Arabi

13 Agosto 2020
Roma, 13 ago. (askanews) - Israele ed Emirati arabi uniti hanno raggiunto uno storico accordo di pace che porterà alla piena normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi del…
Il coronavirus mette in crisi il turismo a Taormina
Video

Il coronavirus mette in crisi il turismo a Taormina

13 Agosto 2020
Taormina, 13 ago. (askanews) - Strade e locali semi deserti, è l'estate più difficile per Taormina. La "perla dello Jonio", capitale turistica della Sicilia, paga più di tutti le incertezze…
Entire Digital Publishing - Learn to read again.