> > Violenta la figlia della compagna incinta: a processo 33enne

Violenta la figlia della compagna incinta: a processo 33enne

Violenza sessuale

Un uomo di 33 anni è finito a processo per violenza sessuale. Avrebbe violentato la figlia 13enne della sua compagna incinta.

Un uomo di 33 anni è finito a processo perché ha violentato la figlia della compagna incinta, di soli 13 anni.

La giovane aveva confessato tutto al sacerdote dell’oratorio che frequentava. 

Violenta la figlia della compagna incinta: a processo 33enne

Un uomo di 33 anni è finito a processo a Varese per aver abusato della figlia 13enne della compagna con cui nel 2019 aveva avuto una relazione. A raccontare quanto accaduto era stata la ragazzina, che si era confessata con il sacerdote dell’oratorio, raccontandogli cosa accadeva quando restava sola con il compagno della madre.

L’uomo si è sempre dichiarato innocente e nel corso delle indagini non è mai stato arrestato. Fino all’udienza preliminare era risultato irreperibile. Ora dovrà difendersi davanti al giudice dalle accuse di violenza sessuale. Secondo la testimonianza della ragazzina, gli abusi sarebbero andati avanti per mesi, quando la madre era al lavoro. 

La testimonianza della giovane vittima

Secondo il racconto della ragazzina, ogni volta si ripeteva la stessa dinamica. L’uomo la obbligava a sedersi sul divano con la scusa di vedere un film insieme, poi la costringeva ad avere un rapporto sessuale.

La ragazzina era così terrorizzata che era arrivata a tagliarsi le braccia. Poi ha trovato il coraggio di raccontare tutto al sacerdote dell’oratorio e a quel punto è stato lanciato l’allarme e sono partite le indagini. La madre della ragazzina, che quando sono emersi gli abusi era incinta dell’uomo, è rimasta sotto shock e ha immediatamente interrotto la relazione, costituendosi parte civile con la figlia nel processo.