7 stocks da tenere d’occhio nel 2013 COMMENTA  

7 stocks da tenere d’occhio nel 2013 COMMENTA  

Eccoci giunti in quel periodo dell’anno in cui tutti vogliono sapere quali sono le offerte da comprare, da non perdere e quali sono quelle per cui vale la pena. Ecco alcuni dei 7 stocks da tenere d’occhio nel nuovo anno.

Leggi anche: 10 idee regalo chic San Valentino per lui


1. Google:
non sorprende che il top delle liste sia rappresentato da Google. “E’ una grande compagnia”, ha detto Larson, lo stratega del Morning Star di Chicago, come ha raccontato alla ABCNews. “Non hanno solo i migliori algoritmi, ma beneficiano anche degli effetti di un network grazie alla loro piattaforma. Più utenti sono nella piattaforma, tra consumatori e commercianti, migliore è la piattaforma. Stanno anche crescendo molto in altri settori, come Youtube. E’ davvero una compagnia fantastica”.

2. Kraft:
non importa quanto sia stata lontano dal mercato globale quest’anno, ma continua ad avere dei grandi vantaggi. IL suo portfolio comprende: Kraft, Oscar Mayer e Maxwell House, ognuno dei quali ha un fatturato di 1 miliardo di dollari nelle vendite annuali, il che non include nessun altro marchio che non produca più di 100 milioni di dollari l’anno.

Leggi anche: Apple trova l’accordo con l’Agenzia delle Entrate: sanerà il debito pagando 318 milioni


3. Amazon:
la compagnia di Amazon ha un nome molto forte: è uno dei primi siti su cui gli utenti navigano per fare shopping on line. “Inoltre, permette di avere una distribuzione maggiore per quanto riguarda ai costi più economici”, ha detto Larson.


4. Yahoo:
con una recente acquisizione, tutti gli occhi sono puntati su Yahoo per vedere cosa fa. “E’ come se fosse un cavallo nero che è stato picchiato, ma noi ci vediamo del grande potenziale”, ha detto Larson.

L'articolo prosegue subito dopo


5. Apple:
con la scomparsa di Steve Jobs, Apple non ha lo stesso appeal che aveva un tempo, ma non significa che sia una delle compagnie più forti al momento.” Noi continuiamo a pensare che Apple sia uno dei migliori investimenti nella tecnologia”, ha detto Cihra, l’analista.  “Apple sta cercando di crescere, creando dei prodotti unici e bellissimi che i consumatori vogliono comprare”.

Facebook:
nonostante i problemi iniziali, “Facebook è una fantastica attività commerciale”, ha detto Larson. “Hanno alti margini di profitto, che poi ritornano. Hanno un miliardo di utenti in tutto il mondo, di cui la metà lo usano quotidianamente”. La piattaforma ha un effetto sulla rete: tu lo usi perché i tuoi amici lo usano, e loro lo usano perché sanno che possono trovarti”.

7. IBM:
Nata 101 anni fa, continua ad occupare una posuizione di leader. In questi ultimi 15 anni, “ha svolto un eccellente lavoro di trasformazione da una compagnia di hardware a sino a giungere al software e a vari servizi”. Secondo Cihra, “sono semplicemente i migliori in quelllo che fanno”.

Leggi anche

heidi_titoli
News

Heidi: come finiscono le avventure della piccola montanara?

Heidi è una piccola montanara che ha avuto talmente tanto successo da essere diventata un anime, un cartone e anche un film. Heidi, che letteralmente significa "la ragazza delle Alpi" è un romanzo per ragazzi della scrittrice Spyri, una serie animata  prodotta dallo studio di animazione giapponese e un cartone molto amato da tanti. Heidi racconta la storia di una bambina che si trasferisce con il nonno nella sua casa nelle Alpi svizzere. Qui la bambina sempre molto sorridente e allegra si trova molto bene, al punto da fare amicizia con le caprette e con il cane Nebbia. Anche il Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*