Allarme epatite nei frutti di bosco, nuovi casi a Torino

Cronaca

Allarme epatite nei frutti di bosco, nuovi casi a Torino

I casi di epatite A in Piemonte stanno aumentando in maniera preoccupante: nell’ultimo anno c’è stato un incremento del 70% di nuovi episodi. Proprio in questi giorni è stato riscontrato il virus dell’epatite A in cinque confezioni di frutti di bosco: la causa del contagio potrebbe essere il lavaggio della frutta effettuato con acqua non potabile da parte delle aziende produttrici. Tutti i casi sono stati segnalati al Ministero della Salute, che sta cercando di monitorare la situazione.

Sembra che la maggior parte dei prodotti contaminati sia prodotta all’estero e poi distribuita in Emilia Romagna e Lombardia. Per questo è stata richiesta una rogatoria nei Paesi produttori (Ucraina, Polonia e Canada) e sono stati disposti ulteriori analisi e campionamenti in tutta Italia. Intanto il Ministero della Salute invita i consumatori a consumare i frutti di bosco surgelati solo dopo averli sottoposti a bollitura per almeno due minuti, in modo da debellare gli eventuali virus contenuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche