Annuncio di lavoro più ambito del mondo: 110 mila euro di stipendio e vacanze gratis

Annuncio di lavoro più ambito del mondo: 110 mila euro di stipendio e vacanze gratis

Viaggi

Annuncio di lavoro più ambito del mondo: 110 mila euro di stipendio e vacanze gratis

lavoro

Quando si dice che crescere i figli è faticoso. 110 mila euro è quanto pagherebbe una famiglia inglese le fatiche della sua tata.

Sin da bambini la domanda che più frequentemente ci veniva posta era: “cosa vuoi fare da grande?“. Siamo cresciuti influenzati dai nostri genitori e dal loro lavoro, dal cinema, dalla televisione, dai libri e ovviamente dai nostri interessi. Abbiamo cominciato a studiare con l’obiettivo di formarci il meglio possibile per il raggiungimento del nostro obiettivo. Poi siamo davvero diventati grandi e alcuni sono riuscita a coronare il proprio sogno. Altri sono dovuti scendere a compromessi con le proprie esigenze di autonomia. Molto spesso però accade che alcuni di quei lavori che vengono considerati di passaggio risultino essere davvero soddisfacenti sia in termini economici che di soddisfazioni personali.

lavoro

Lo strano annuncio

Di recente è comparso sul sito inglese Childcare.co.uk uno strano annuncio di lavoro. Una famiglia inglese alla ricerca di una baby sitter per i suoi figli. Fin qua nulla di strano. Ma leggendo l’annuncio si capisce che la famiglia è alla ricerca di una vera e propria Mary Poppins.

La mamma di quattro bambini, uno di due anni, uno di quattro, uno di cinque e il più grande di quindici, è alla ricerca di una donna disponibile dalle 7,00 del mattino fino alle 20, sei giorni su sette. Il suo compito principale sarà quello di seguire e rispondere alle esigenze dei suoi ragazzi. Si tratterebbe di una presenza costante visto che i ragazzi fanno scuola in casa e un altro dei suoi compiti sarebbe quello di aiutarli nello svolgimento dei compiti. Ma ancora la situazione non sconfina nell’impossibile.

I piacevoli inconvenienti

I genitori ci tengono però a sottolineare che si tratterebbe di un “lavoro faticoso”. La famiglia possiede quattro abitazioni sparse per il mondo. Una a Londra appunto, una alle Barbados, una a Cape Town e una ad Atlanta. Questo implicherebbe la possibilità di viaggiare molto frequentemente, anche più volte alla settimana. Inoltre alla tata verrebbe richiesto di essere in possesso della patente, poiché un altro dei suoi compiti sarà accompagnare i ragazzi in tutti i loro appuntamenti settimanali.

Sarebbe anche meglio se si trattasse di un’eccellente pilota visto che le macchine che dovrà guidare saranno una Porche, una Maserati e un Reng Rover. La famiglia inoltre si troverebbe spesso impegnata in eventi mondani e cene importanti dove potrebbe essere richiesta la presenza della domestica, ovviamente come ospite.

lavoro

I requisiti

Ma lo sappiamo, per ogni lavoro bisogna possedere certi requisiti. Tutto sommato ciò che richiede la benestante famiglia inglese non è nulla di impossibile. Laurea in Psicologia Infantile e una esperienza di almeno 15 anni. La conoscenza di più lingue ovviamente farebbe guadagnare più punti alla candidata. Inoltre preferirebbero che la donna avesse seguito un corso di autodifesa. Qualora la persona scelta non lo avesse fatto però la famiglia si rende disponibile a pagargliene uno. Per quanto riguarda la vita privata della futura tata la famiglia si raccomanda solo che non faccio uso di droghe e alcol nel suo tempo libero.

Il compenso

Ci manca solo da scoprire come e quanto verrà ripagata la prescelta per tutte queste fatiche.

Il compenso offerto per questo lavoro è di 110 mila euro all’anno. Trasferte, cene e benzina gratis ovviamente, perché la tata verrebbe trattata al pari di un membro della famiglia. Ovviamente le verrebbe fornita una stanza privata in ognuna delle quattro abitazioni, con bagno proprio e sala relax.

lavoro

Questo si che potrebbe essere considerato un lavoro da sogno. Però bisogna sempre tenere presente che non è tutto oro quello che luccica. Seguire dei ragazzi per 13 ore di seguito senza mai abbassare la guardia non è semplice, sopratutto se si devono pure fare i conti con il jet lag. Certo è che con uno stipendio cosi e la possibilità di fare una vita quasi da reale allettano e mettono in secondo piano tutti i presunti ostacoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche