Come aprire una porta blindata COMMENTA  

Come aprire una porta blindata COMMENTA  

Ecco tutti i metodi e gli escamotage per aprire una porta blindata

Molto spesso capita di assistere a numerosi casi di frodi e di rapine negli appartamenti e questo ci porta a pensare che dotarsi di una porta blindata, in luogo della tradizionale porta, sia più sicuro e più congeniale per prevenire il fenomeno del furto con scasso.

In effetti, è solo una convinzione apparente dato che ormai i ladri sono diventati astuti ed abili nell’aprire le porte blindate. Che dire se poi ci dimentichiamo le chiavi sul tavolo o le perdiamo? Ci sono diversi strumenti ed escamotage più o meno validi e diffusi per riuscire ad aprire una porta blindata senza fare uso delle chiavi:

  • utilizzo una carta di credito, è il metodo più comune e funziona solo se la porta blindata non è chiusa a chiave ma solo il pomello girevole è chiuso e si può aprire dall’esterno.

    In questo caso con una carta si può tentare di infilarla nell’intercapedine tra muro e porta e sollevare l’incastro della serratura interna riuscendo ad aprire la porta blindata.

    Ovvio che bisognerà più volte tentare di fare transitare la carta per trovare il punto in cui l’ingranaggio della serratura consenta una più facile apertura: Nel caso in cui la porta risulta essere chiusa a chiave questo metodo non funziona assolutamente e si deve desistere dal farlo;

  • utilizzo una lastra o una scheda telefonica, anche in questo caso la porta deve essersi chiusa involontariamente e non con le chiavi.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Ecco come procedere: inserite la lastra o la scheda telefonica nella fessura tra il muro e la porta, applicate una pressione dall’alto verso il basso, esercitate un movimento che richiami quello che spesso si fa quando si cerca di inserire una carta in un mazzo da gioco; l’importante che in questo movimento si vada ad intercettare il punto in cui la lastra incontra l’ingranaggio della serratura, tenendola sempre in posizione leggermene obliqua. Insistete e fate sì che la lastra provochi il click necessario affinchè la porta si apra in definitiva, ovvio che quando toglierete la lastra dalla fessura e dalla serratura sarà rovinata e graffiata;
  • utilizzo un trapano, metodo chiassoso ed invasivo ma, in effetti, è quello che funziona di più, anche quando la porta è chiusa a chiave definitivamente. Dovete munirvi di una punta da 5 mm in modo tale da applicare una perforazione nel punto in cui la porta si chiude, in modo tale da eliminare tutti i cilindretti della toppa della porta che sono alla base del meccanismo di apertura della porta blindata. Dopo aver eliminato tutte le molle e i cilindretti della toppa, ecco ci siete, aiutatevi con un cacciavite a taglio, fate il tanto sperato click e …. voilà, la vostra porta blindata si apre inevitabilmente!
  • Se la chiave è rimasta all’interno della toppa della serratura, si può semplicemente munirsi di un cartoncino o di un foglio un po’ spesso da mettere posizionato sotto la base della porta blindata nella fessura con il pavimento, inserite una forcella o un filo di ferro nella toppa stessa e spingete le chiavi fino a quando non cadranno sul pavimento. Grazie alla forza cinetica esercitata, è possibile fare scattare la serratura della porta blindata.
  • Nel caso in cui non si voglia mettersi in gioco e non ci senta pratici nel mettere in atto quanto suggerito sopra, potete chiamare e farvi assistere da un fabbro o chiamate direttamente una squadra di Vigili del Fuoco.
  • Prima di farsi prendere dal panico o di contattare il 115, valutate se avete lasciato qualche finestra aperta o passate da un balcone o da un terrazzo dei vicini di casa.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*