Champagne Quattuor Brut, Drappier COMMENTA

Drappier_Quatuor_bottle_shot

A Urveille, in Rue des Vignes, nelle vicinanze della capitale dello Champagne Reims, sorge la Maison Drappier, una delle storiche realtà vitivinicole della regione. François Drappier, antenato di Michel Drappier, cominciò l’avventura della cantina nel lontano 1808, mentre fu nel 1920 che “Papà Pinot” Georges, piantò la prima pianta di Pinot Fine, un particolare Pinot Noir d’eccezionale eleganza; ad oggi è l’ottava generazione a portare avanti la crescita della Maison, con vini sempre all’avanguardia, ricchi tradizione e di qualità.

Leggi anche: Franciacorta Docg Brut Animante, Barone Pizzini


Oggi ci versiamo nel calice lo Champagne Quattuor Brut, dalla cifra quattro in latino, è una cuvée, “Blanc de Quatre Blancs”, che esalta i vitigni più singolari della regione: Arbane al 25%, Petit Meslier al 25% e Blanc Vrai al 25%, con un 25% di Chardonnay; di colore giallo paglierino scintillante, nel calice si apprezza un perlage composto da una miriade di piccole bollicine, fini e molto persistenti. L’olfatto è marcato da note progressive di biancospino, ginestra essiccata, melone, agrumi e noccioline, con una mineralità e una fragranza importanti; al palato è decisamente fresco, di una pulizia di bocca impeccabile, sapido al punto giusto, molto persistente e simmetrico, con ritorni fruttati e minerali simmetrici.

Leggi anche: Grüner Veltliner Brut, Sektkellerei Szigeti


Un vino coraggioso, piacevole e decisamente interessante, da provare con una frittura di gamberoni in tempura.

Commenta per primo "Champagne Quattuor Brut, Drappier"

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*