Colpo di stato in Turchia, fallito il tentativo dei militari

Colpo di stato in Turchia, fallito il tentativo dei militari

Prima Pagina

Colpo di stato in Turchia, fallito il tentativo dei militari

colpo di stato in turchia erdogan

Quasi 200 morti, più di 1000 feriti e 1500 militari arrestati è il bilancio del tentativo di colpo di stato in Turchia. Fallito il golpe.

E’ stato il generale Umit Dundar a rendere noto il bilancio finale del colpo di stato in Turchia tentato ieri sera dai militari. Una fazione dell’esercito ha cercato di rovesciare il governo del presidente Tayyip Erdogan, che ora ha promesso punizioni esemplari.

La notte è trascorsa fra bombardamenti e veri e propri combattimenti nella capitale Ankara e a Istanbul, con più di 190 morti. Secondo le principali agenzie di stampa, il numero delle vittime è destinato a crescere. I militari arrestati sono al momento già 1563, ma anche questo numero potrebbe aumentare. Il generale Umit Dundar è stato nominato nuovo capo di Stato Maggiore, primo passo di una revisione totale dei vertici dell’esercito.

Erdogan promette punizioni esemplari per i traditori

Il presidente Erdogan è stato accolto da una folla al suo arrivo all’aeroporto di Istanbul.

“I traditori” ha promesso, “pagheranno un caro prezzo”. Secondo le prime ipotesi, l’architetto del golpe sarebbe l’imam Fethullah Gulen, oppositore del governo che da tempo ha scelto di riparare negli Usa. Gulen ha però rivendicato la propria estraneità ai fatti. “Per qualcuno come me” ha dichiarato, “che ha sofferto sotto diversi colpi di stato militari nelle ultime cinque decadi, è particolarmente offensivo essere accusato di avere legami con un tentativo del genere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche