Com’è fatta una Green House COMMENTA  

Com’è fatta una Green House COMMENTA  

Cedargreenhouseinterior

Le nostre case potrebbero essere completamente autosufficienti dal punto di vista energetico. Una casa verde può sfruttare le energie rinnovabili per la corrente elettrica, il riscaldamento e il condizionamento dell’aria. Gli interventi effettuati ripagheranno in termini di costi e daranno la grande soddisfazione di contribuire alla difesa dell’ambiente e di essere più indipendenti.

Leggi anche: Umidità assoluta e relativa: differenze


Collettori solari termici (pannelli solari): l’energia solare, di cui il nostro Paese è ricco, consente di riscaldare la casa e l’acqua. Conviene e, a lungo termine, fa guadagnare.

Leggi anche: Arcobaleno lunare doppio: perchè si verifica


Impianto fotovoltaico: si recupera quanto investito in 6-10 anni. L’impianto continuerà, poi, a produrre energia pulita e gratuita per altri venti anni e più.


Infissi e cappotto termico: la grande dispersione termica è uno dei problemi più importanti da risolvere. Le principali vie di fuga del calore sono le finestre a vetro singolo che possono aumentare le bollette di almeno il 15%. E’ necessario sostituire i vecchi infissi con finestre a doppio vetro basso-emissivo e isolare termicamente pareti e sottotetto.

L'articolo prosegue subito dopo


Pompa di calore: un apparecchio assorbe il calore dell’aria esterna per trasferirlo all’interno (in estate funziona in maniera inversa). Abbinato ad un sistema fotovoltaico è perfetto per diminuire i costi energetici.

Leggi anche

main_parrot-pot
Casa

Vaso Parrot Pot: prezzo

Per chi trascorre lunghi periodi fuori casa innaffiare le piante rappresenta un problema, ma con il vaso Parrot Pot c'è la soluzione giusta. Quando si va in vacanza o si trascorre un lungo periodo fuori casa uno dei problemi più impellenti è quello di innaffiare le piante affinchè non muoiano. Proprio per ovviare a tale inconveniente Parrot Pot ha inventato il vaso smart, capace di collegarsi alla Rete in modalità wi-fi, dotato di un serbatoio di 2.2 litri e quattro beccucci separati. La straordinaria invenzione permette di erogare l’acqua solo quando la pianta lo richiede e nella modalità giusta. Il Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*