Come i segnali di fuoco hanno salvato la vita di un 72enne

Attualità

Come i segnali di fuoco hanno salvato la vita di un 72enne

Stava andando a far visita a suo nipote a Phoenix quando all’improvviso la sua macchina, un’ibrida, si è fermata nel mezzo nel mezzo delle White Mountains dell’Arizona. Stiamo parlando dell’avventura vissuta di Ann Rodgers, 72enne. Abbandonata ogni speranza di far ripartire l’auto, dopo essersi scaricata batteria e consumata l’ultima goccia di benzina, Ann ha deciso di iniziare la sua traversata a piedi. In sua compagnia il miglior amico dell’uomo, o meglio in questo caso della donna, il suo fedele fido. I due sono riusciti a sopravvivere per nove giorni bevendo acqua recuperata da stagni e mangiando piante. Ann ha iniziato a cercare “segni di civiltà” così da poter ritornare a casa. Ma non si è affidata solo alla fortuna. L’ingegno ha fatto la sua parte. Ha costruito infatti una richiesta di aiuto (“Help”) con dei bastoncini. Sono stati questi, oltre al ritrovamento del cane, a consentire ai soccorritori – allertati dalla famiglia che non aveva nessuna notizia di Ann Rodgers dal 31 marzo – di imboccare la strada giusta.
La donna infatti non si trovava più nei pressi di quel messaggio rudimentale.

Si era infatti spostata ancora, nei pressi di una riserva della tribu Apache. A consentire ai soccorsi di individuare il punto preciso in cui si trovava la nonnina 72enne l’aiuto di un’altro stratagemma: i rudimentali ma sempre efficaci segnali di fumo.
La donna è stata trovata in buone condizioni. I rischi di questa “traversata” sono stati davvero tanti, primo fra tutti quello di essere attaccata da animali della zona, come per esempio l’orso e la lince rossa. Ann Rodgers nella deposizione raccolta dallo sceriffo Johnny Holmes ha dichiarato: “We were expecting the worst but hoping for the best at that point”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Enrica Marrelli 447 Articoli
Laureata in Teoria della Comunicazione e Comunicazione Pubblica presso l'Università della Calabria. Amo la lettura ma mi appassiona anche il grande e il piccolo schermo.
Contact: Facebook