Come modificare i file MDB su un iPad COMMENTA  

Come modificare i file MDB su un iPad COMMENTA  

L’iPad non ha Microsoft Access, è necessario installare l’applicazione iPad Access disponibile in App Store per aprire MDB dell’iPad (database di Microsoft Access). L’applicazione permette di aprire e modificare i dati, in modo da poterli inviare a un altro destinatario o mantenere il file di database come una copia di backup sul vostro iPad.

Leggi anche: Come condividere un file tra due computer

Quello che vi serve

cavo USB

istruzioni

1. Collegare l’iPad al computer desktop con il cavo USB. ITunes si apre automaticamente. Fare clic su “iPad App negozio” per aprire il negozio.

Leggi anche: Come creare stickers con Telegram


2. Digita “Client Access Database Mobile” nella casella di testo di ricerca e premere “Invio”. Dopo che l’applicazione viene trovata nel sistema di App Store, fai clic sul pulsante “Installa” per installarla sull’iPad. L’iPad si sincronizza automaticamente con iTunes in modo da poter installare il software dal computer.


3. Trasferire il file MDB sull’iPad, se non hai già memorizzato il file system sull’iPad.

4. Toccare l’icona sull’accesso iPad Mobile e toccare l’icona “Apri” per aprire il file MDB sull’iPad. Dopo che il file MDB si apre, selezionare la tabella che si desidera aprire e modificare.

L'articolo prosegue subito dopo


5. Toccare “OK” dopo aver completato le modifiche.

Leggi anche

indirizzo IP
Tecnologia

Programmi per cambiare indirizzo IP

Desiderosi di navigare in incognito e in assoluta sicurezza? Spaventati da stalker telematici e hacker? L'unica è cambiare indirizzo IP. Ecco come fare. L'indirizzo IP è quel numero che identifica il PC da cui ci connettiamo a Internet: per i nostri apparecchi è come un documento di identità, che rende ogni singolo terminale individuabile e rintracciabile. Risalire a un PC mediante IP è relativamente facile: motori di ricerca e polizia postale utilizzano questo dato come elemento per tracciare il traffico telematico dei singoli utenti, pur facendo salvo - specie nel primo caso, ovviamente - il rispetto della privacy individuale. Ci Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*