Come perdere peso in poco tempo con la dieta Scarsdale

Cucina

Come perdere peso in poco tempo con la dieta Scarsdale

Dieta Batch: come preparare i pasti per la settimana
Dieta Batch: come preparare i pasti per la settimana

Una dieta dimagrante è indispensabile per iniziare un programma finalizzato alla perdita di peso, una dieta efficace non può essere decisa di giorno in giorno ma deve seguire uno schema, ne esistono tanti e tra queste c'è anche la dieta Scarsdale.

Una dieta dimagrante è indispensabile per iniziare un programma finalizzato alla perdita di peso, una dieta efficace non può essere decisa di giorno in giorno ma deve seguire uno schema, ne esistono tanti e tra queste c’è anche la dieta Scarsdale.

Dieta Scarsdale

Essa prende il nome dalla città americana di Scarsdale, luogo in cui si trovavano i due medici che l’hanno approntata, cioé i dottori Hermamm Tarnower e Samm Sinclair Bake. Essa non è una novità degli ultimi anni perché risale al 1978 quando venne lanciata con il libro dal titolo “10 chili in 14 giorni” ed è una delle diete più conosciute al mondo e una delle più seguite, soprattutto negli Stati Uniti d’America.

Il suo successo è probabilmente riconducibile al fatto che promette risultati da raggiungere in poco tempo, inoltre basandosi sul consumo di proteine e anche, con certi limitazioni; di carboidrati ha un’aria meno severa anche se in realtà non è così.

Il programma dietetico basato sulla Scarsdale si suddivide in due parti, la prima parte della durata di quattordici giorni durante la quale avviene il dimagrimento, i successivi quattordici giorni sono quelli finalizzati al mantenimento dei risultati. Lo schema della dieta Scarsdale si base su tre pasti principali, colazione, pranzo e cena, senza intermezzi. Gli spuntini ammissibili sono quelli dovuti a forti attacchi di fame e possono essere consumati solo verdure con pochissime calorie, come sedano e carote.

La dieta Scarsdale si base su di un molto ridotto apporto calorico, per questo il peso viene perso rapidamente, infatti la Scarsdale sembra essere una delle più veloci diete dimagranti. Prevalgono i cibi proteici a scapito dei carboidrati, le verdure sono ammesse con abbondanza, sia cotte che crude, sia sotto forma di centrifugati. La frutta deve essere scelta tra quella non troppo dolce. In pratica il rapporto tra i nutrienti è 43% di proteine, 34% di carboidrati e 22% di grassi.

Questo rapporto nutrizionale deve essere rigorosamente rispettato durante la prima fase che è quella in cui si deve verificare la diminuzione ponderale. L’attività fisica non è richiesta nella dieta Scarsdale perché l’apporto calorico è così ridotto da non consentire lo svolgimento di un’attività fisica impegnativa.

I cibi ammessi nella prima fase della Scarsdale sono té, caffé o succo d’arancia a colazione, il pranzo si basa su carne rossa o bianca, uova, formaggio, pesce, verdura cruda o cotta, centrifugati di verdura, nessun condimento, frutta preferibilmente escludendo quella molto dolce. Durante la fase di mantenimento la dieta consente di aumentare la presenza di carboidrati, infatti ammette anche riso, pasta, pane però limitato a non più di due fette di pane integrale al giorno. Un’altra fondamentale regola da osservare è quella di bere non meno di 2 litri di acqua al giorno per eliminare le tossine legate al maggiore consumo di proteine.

Seguendo in modo fedele la dieta Scarsdale il risultato di perdere peso viene senz’altro ottenuto, per fortuna in media sempre rispettando i tempi previsti di due settimane, il che è senz’altro positivo di fronte ad una dieta che è piuttosto proibitiva e rigida.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche