Come prepararsi all’estate in dieci mosse

Donna

Come prepararsi all’estate in dieci mosse

ESTATE 2013, TUTTI AL LAVORO CON GI GROUP

La stagione estiva è arrivata, e il caldo già torrido dei giorni scorsi invita alla tintarella. E’ però importante preparare la pelle del viso e di tutto il corpo alle esposizioni al sole e alla prova costume. Ecco cosa fare in dieci semplici mosse prima di partire per le tanto attese vacanze.

1) Assumere integratori che proteggono l’epidermide: soprattutto le persone che hanno una carnagione molto chiara dovrebbero optare per integratori alimentari che contengono ingredienti associati, come licopene, betacarotene, selenio, luteina e vitamina E. L’ideale è prenderli per almeno un mese, eventualmente facendo un secondo ciclo dopo un periodo di pausa;

2) Regalarsi un bagno con avena e sali del mar Morto: almeno un paio di volte alla settimana è consigliabile concedersi un bel bagno tiepido. Aggiungete all’acqua una manciata di sali del mar Morto e qualche goccia di olio essenziale di avena. Il risultato è una cute setosa e un corpo meno gonfio;

3) Effettuare uno scrub ogni dieci giorni: serve ad eliminare le cellule morte superficiali dell’epidermide.

Con uno scrub una volta ogni dieci giorni si favorisce la rigenerazione cutanea e si rende la pelle più luminosa, morbida e ricettiva all’abbronzatura. Potete preparare una scrub fai da te utilizzando 30-40 gr di farina di ceci e 10 ml di acqua di rosa oppure di una manciata di sale grosso e 10 ml di olio di mandorle. Il composto va applicato con piccoli movimenti circolari sulla pelle pulita, insistendo sulle zone del corpo pi ruvide, come le ginocchia e i gomiti. Dopo qualche minuto di posa, eliminare con acqua tiepida;

4) Esfoliare il viso con metodi dolci: almeno una volta ogni dieci giorni la pelle del viso, anche la più delicata, va sottoposta ad una leggera esfoliazione, l’ideale è utilizzare miscele dolci. Ad esempio, è ottimo questo composto: mescolare due-tre cucchiai di farina di riso con due cucchiai di yogurt fino ad ottenere un composto omogeneo. Applicare con movimenti leggeri e poi risciacquare.

Per la detersione quotidiana è consigliabile optare per saponi a base di ingredienti naturali, come il sapone di Marsiglia che può essere impiegato su tutto il corpo;

5) Applicare gel rinfrescanti sulle gambe: l’aumento delle temperature spesso manda in tilt la circolazione, rendendo le gambe gonfie e pesanti. Per prevenire e combattere questo fastidioso problema, è utile ricorrere ai gel a base di centella asiatica, ginkgo biloba, ippocastano e mirtillo, sostanze che favoriscono il flusso sanguigno e linfatico e drenano gli accumuli di liquido. Il massaggio alle gambe va effettuato dalla punta dei piedi andando verso l’alto;

6) Bere una tisana per depurarsi: per liberarsi dalle tossine e dai liquidi accumulati, è utile bere una volta al giorno una tisana a base di malva e tarassaco, erbe dotate di una potente azione drenante, disintossicante e depurativa. Basta mettere 15 gr di estratto secco in una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per pochi minuti.

Poi filtrare e bere, anche fredda;

7) Dimagrire con gli oligoelementi: per potenziare i risultati di una dieta dimagrante si possono utilizzare gli oligoelementi. In particolare, l’associazione zinco-nickel-cobalto, regola il metabolismo degli zuccheri ed evita la sensazione di spossatezza che spesso accompagna le diete. Se lo scopo invece è ridurre la fame, va bene l’associazione zinco-cobalto, che regola la glicemia. In ogni caso prendere una fialetta a metà mattina per almeno un mese;

8) Disinfettare la cute prima della depilazione: prima e dopo la depilazione è buona abitudine disinfettare la pelle, passando sulle zone interessate un batuffolo di cotone imbevuto di benzalconio cloruro e acqua ossigenata, in questo modo si riduce il rischio di follicolite, molto elevato in estate;

9) Massaggiare l’addome per combattere il gonfiore: per eliminare il gonfiore addominale dovuto alla scarsa regolarità intestinale e al meteorismo è utile fare una cura di venti giorni a base di fermenti lattici.

In associazione o in alternativa è molto utile praticare l’automassaggio. Si può usare una miscela composta da un cucchiaio di crema idratante e due gocce di olio essenziale di lavanda, che ha effetto antispasmodico e rilassante. Poi a pancia in su, fare piccoli cerchi intorno all’ombelico, via via sempre più grandi;

10) Preferire l’omeopatia per i piccoli disturbi: chi soffre di problematiche specifiche può avere grossi benefici dall’omeopatia. Qualche esempio? Per la cute secca va bene Hydrocotyle asiatica 9 CH; per proteggere i capillari è ottimo Hamelis 5 CH. In tutti i casi, prendere cinque granuli tre volte al giorno per un mese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche