Egitto precipita nel caos, si contano 525 morti COMMENTA  

Egitto precipita nel caos, si contano 525 morti COMMENTA  

I durissimi scontri di ieri tra esercito e manifestanti pro-Morsi hanno provocato una carneficina. Il bilancio ufficiale parla di 525 morti e più di 3700 feriti. E’ stato dichiarato lo stato di emergenza. Secondo i Fratelli Musulmani le vittime sono molte di più, e cioè oltre 4500. Dopo le sgombero del sit-in pro Morsi nelle varie piazze in cui si erano appostati i manifestanti, si moltiplicano le iniziative in tutto il Paese.

Leggi anche: Venezia: surf dal Ponte degli Scalzi per un giapponese. Rischia denuncia


La Fratellanza ha infatti annunciato nuove marce di protesta contro la violenza. Intanto, per precauzione, è stato chiuso il passaggio di collegamento tra l’Egitto e la striscia di Gaza. Germani,a Francia, Italia e Gran Bretagna hanno convocato ambasciatori.

Leggi anche: Cinque domande sull’Italia dopo il referendum


Si mobilita anche la comunità internazionale per invocare la fine del massacro. Il premier turco Erdogan ha dichiarato: “Coloro che restano in silenzio di fronte a tale massacro sono colpevoli tanto quanto chi lo ha compiuto.

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu deve riunirsi rapidamente”.

Leggi anche

supvenezia
News

Venezia: surf dal Ponte degli Scalzi per un giapponese. Rischia denuncia

Uno “stravagante personaggio” è stato visto dalla folla tuffarsi dal Ponte degli Scalzi a Venezia domenica 4 dicembre: un giapponese in muta da sub "armato" di pagaia e di una tavola da surf per fare Sup - acronimo dello sport Stand Up Paddle - proprio nel Canal Grande. Il turista ha anche deciso di farsi filmare dagli amici mentre compiva la sua “audace impresa”. L’uomo ora rischia una multa e una denuncia con l’accusa di “attentato alla navigazione” di placide gondole e vaporetti tipici veneziani. Per quanto bizzarro, il gesto del viaggiatore non è insolito in città negli ultimi tempi: pochi giorni fa, dopo qualche mese di coma, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*