Estratto di semi di pompelmo per la malattia parodontale COMMENTA  

Estratto di semi di pompelmo per la malattia parodontale COMMENTA  

Quasi l’80 per cento degli adulti in America ha una qualche forma di malattia parodontale. I casi possono variare da una lieve infiammazione delle gengive, a danni più gravi ai tessuti molli e ossa che sostengono i denti. Una buona igiene dentale, e alcuni trattamenti alternativi quali l’estratto di semi di pompelmo, possono aiutare a prevenire la malattia parodontale.


Significato
In casi avanzati e gravi della malattia parodontale, i denti possono cadere o devono essere rimossi. La malattia gengivale può anche causare o aggravare problemi di salute esistenti. La malattia gengivale può essere prevenuta e curata con l’estratto di semi di pompelmo.


Considerazioni
Fumo, cambiamenti ormonali, diabete, stress, cancro, malattie autoimmuni, e la genetica giocano tutti un ruolo nella malattia parodontale. Spazzolino, filo interdentale, visite regolari dentista, rinunciando all’uso dei prodotti del tabacco, una dieta sana, e estratto di semi di pompelmo possono aiutare a prevenire le malattie gengivali.


Vantaggi
L’estratto di semi di pompelmo è un antibiotico naturale e potente. E’ efficace nel trattamento della malattia parodontale.

Utilizzo
Una goccia di estratto di semi di pompelmo aggiunto al normale dentifricio e utilizzato due volte al giorno è raccomandato. Si può anche mescolare una piccola quantità di estratto di semi di pompelmo con l’acqua come un risciacquo per i migliori risultati.

L'articolo prosegue subito dopo


Prevenzione/Soluzione
Come un efficace antivirale e antibatterico, l’estratto di semi di pompelmo è sicuro e vantaggioso quando viene utilizzato come collutorio per le persone con gravi malattie gengivali. L’estratto di semi di pompelmo è utile anche per coloro che spesso si dimenticano il filo interdentale.

Potenziale
Le persone che non soffrono di malattia parodontale anche beneficiare dell’estratto di pompelmo utilizzandolo due volte alla settimana.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*