F1, terribile incidente per Jules Bianchi COMMENTA  

F1, terribile incidente per Jules Bianchi COMMENTA  

103958158-3a746fe1-b4a8-411d-8d2d-b03883d18d62

Il Gp Suzuka si è chiuso in anticipo a causa di un bruttissimo incidente che ha coinvolto Jules Bianchi della Marussia. La gara, già tormentata per una serie di motivi (rinvii di partenza, pioggia, Alonso ko all’inizio, safety car sempre in pista) ha vissuto momenti di tensione. Dopo l’incidente di Bianchi, le cui condizioni sono subito apparse così gravi da non poter essere soccorso in elicottero, nessuno ha voglia di festeggiare. Ma i vincitori vengono comunque mandati sul podio. Il pilota della Marussia viene invece trasportato in ospedale con ambulanza.

Leggi anche: Schumacher, sulle condizioni Montezemolo resta pessimista

Oltre alla paura per la vita del pilota, serpeggia la polemica per il fatto che al momento dell’impatto la gru era in pista senza che la safety car entrasse in azione. Quando Bianchi è andato finire sotto il mezzo la pioggia era piuttosto forte e la visibilità quasi del tutto azzerata. A questo si aggiunga anche la presenza di una curva cieca. Il pilota brasiliano Felipe Massa punta il dito contro la direzione del Gp, che ha interrotto la gara troppo tardi, dopo che ormai l’inevitabile era già successo.

Leggi anche: Formula Uno, Gp del Bahrein: le Mercedes al comando nelle prove libere

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*