Ford: nella Foresta Amazzonica il mastodontico complesso abbandonato

Viaggi

Ford: nella Foresta Amazzonica il mastodontico complesso abbandonato

Edificio abbandonato di Fordlandia

Fordlandia (in inglese Fordland) è una città industriale prefabbricata ormai abbandonata situata nella Foresta Amazzonica. Fu fatta costruire nel 1928 dal celebre imprenditore statunitense Henry Ford (Dearborn, 30 luglio 1863 – Detroit, 7 aprile 1947), fondatore dell’omonima casa automobilistica nel 1902. In base ad un accordo con il governo brasiliano – il titolare dell’azienda USA aveva fondato una filiale nel Paese sudamericano chiamata Companhia Industrial do Brasil – a Fordlandia si cercava di produrre un tipo di gomma coltivata per la fabbricazione di pneumatici delle automobili. L’intenzione di Ford era infatti quella di essere indipendente dalla gomma britannica – prodotta nella Malesia colonizzata –.

Vi lavoravano operai indigeni in condizioni insoddisfacenti e vi fu persino una rivolta sedata con l’arrivo dell’esercito. In seguito, a causa dello scarso sostegno da parte del governo locale e del terreno poco fertile, l’azienda fallì clamorosamente e fu abbandonata. Sulla storia di Fordlandia vennero realizzati album e canzoni, che raccontano anche del progetto di Ford non andato a buon fine di esportare una sola goccia di lattice negli Stati Uniti e persino quello di piantare alberi della gomma.

Quel luogo fu anche protagonista di un fumetto franco – belga pubblicato nel 1991 e intitolato proprio Fordlandia. Oggi l’area è di interesse turistico per gli amanti dei luoghi abbandonati e delle città fantasma.

[Gallery]

1 / 5
1 / 5
Edificio abbandonato di Fordlandia
Foto d'epoca di Fordlandia
Altra foto d'epoca
Fordlandia oggi
Turisti a Fordlandia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche