Gli elementi principali nella scrittura narrativa

Donna

Gli elementi principali nella scrittura narrativa

Nella narrativa, storie brevi o romanzi, ci sono alcuni elementi essenziali che costruiscono la storia ed una miriade di elementi secondari. Spesso questi aspetti sono inutilmente avvolti in misteri accademici. Ad esempio, se fai una ricerca su amazon.com, vedrai quanti libri si occupano solo della trama. Può essere eccessivo, snervante, addirittura scoraggiante memorizzare tutti i fatti nudi e crudi. Inoltre non è necessario.

Gli elementi principali di un pezzo di narrativa possono essere definiti molto semplicemente:

Trama: la serie di eventi che forma la struttura della storia. La storia stessa emerge dal conflitto tra i vari caratteri. Il conflitto è la battaglia tra il protagonista e l’antagonista. La trama è composta da azione crescente (inizio), punto culminante (punto centrale) e risoluzione (fine).

Protagonista: il carattere principale della storia. Generalmente c’è soltanto un protagonista, anche quando ci sono diversi caratteri principali.

Antagonista: il carattere in conflitto con il protagonista. Questo non sempre è un’altra persona; potrebbe essere un animale o una forza della natura che ostacola la meta del protagonista.

Ambientazione: cioè dove ha luogo la storia.

Potrebbe essere di vario genere, ma potremmo citare come esempio un appartamento in un condominio a Manhattan nel 1968. L’ambientazione spesso si usa per dare alla storia stato d’animo ed atmosfera.

Carattere: un carattere è ogni partecipante della storia, di solito un essere umano, ma a volte un animale o altra creatura. Ci sono diversi tipi di caratteri, come a tutto tondo (completamente sviluppato, simile a persone reali), piatto (statico, unidimensionale, spesso stereotipato), dinamico (caratteri che cambiano durante la storia), e statico (caratteri che non cambiano durante la storia).

Punto di vista: la prospettiva da cui è raccontata la storia. I principali punti di vista sono: onniscente (l’autore narra direttamente la storia ed è al corrente di ogni singolo fatto, in grado di riferire anche i pensieri dei caratteri), parzialmente onniscente (la storia è raccontata in terza persona da uno dei caratteri), terza persona obiettiva (l’autore narra la storia soltanto attraverso ciò che può essere visto, tralasciando i pensieri interiori dei caratteri), e prima persona (il narratore usa il soggeto “Io”, ed è di solito il carattere principale). Il punto di vista in seconda persona non è usato quasi mai.

Dialogo: il linguaggio dei caratteri mentre parlano tra di loro.

Le parole del narratore di una storia non costituiscono un dialogo, eccetto nei casi in cui il narratore è anche un carattere che parla direttamente ad altri caratteri.

Tema: l’idea centrale, o messaggio, della storia. Il tema è tipicamente una sorta di commento su questioni più grandi di quelle ovvie che possono essere comprese da una visione della trama.

Tutti questi elementi sono parti importanti di una buona narrativa. L’elemento più importante, comunque, è qualcosa che non si trova in questo articolo, nè altrove. Alcuni lo chiamano stile, altri lo chiamano voce. Ad ogni modo è ciò che rende una storia unica, qualcosa che solo tu puoi aver scritto. E’ il risultato di tutto ciò che hai imparato, visto, letto, e provato sulla tua pelle, distillato nel tuo modo di scrivere.

Perciò, anche se è importante fare attenzione ai principali elementi, quando scrivi comincia sempre con la tua voce, l’elemento più importante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Anni '40
Donna

I capelli delle donne negli anni ’40

22 settembre 2017 di Notizie

Le ristrettezze economiche degli anni ’40 si rispecchiano per molte donne anche nella scelta di tagli corti e pratici come il caschetto. Chi può però non rinuncia a onde e ricci, anche fai da te.