Gomorra 3: ultimi ciak per la serie, le ultime novità

Gossip e TV

Gomorra 3: ultimi ciak per la serie, le ultime novità

novità
Gomorra 3: ultimi ciak per la serie, le ultime novità

In autunno Gomorra 3 tornerà sugli schermi televisivi per tutti i fan appassionati della serie. Nell’ultima puntata della scorsa serie, il pubblico aveva assistito al personaggio di Ciro devastato, distrutto dalla morte a colpi di fucile della figlia. Una fine terminata nel sangue e nel dolore per uno dei personaggi maggiormente amati. Ciro, per vendicarsi aveva ucciso Pietro Savastano. La vendetta ha luogo al cimitero con don Pietro che piange la moglie, uccisa.

Le riprese della terza serie di Gomorra hanno come scenari diverse location. Si passa dall’America a Milano, dalla Bulgaria sino a giungere a Napoli. Non ci saranno più le vele di Scampia a fare da scenario, bensì la strada, considerata la vera protagonista della serie. Il luogo delle riprese sarà Spacca Napoli con i vicoli pieni di umidità, di polvere, di souvenir a basso prezzo. Si starà in strada a respirare la strada e le cose che succedono in strada.

Le riprese avvengono ai Decumani, in vico dei Panettieri come spiega lo stesso Marco D’Amore che nella serie interpreta il personaggio di Ciro: «Un set che sancisce la crescita di questo progetto, un posto a Y greca considerato segno perfetto, un fusto sdoppiato tra adolescenza e maturità».

Come al solito, la serie è diretta dai registi Franco Cupellini e Francesca Comencini.

La serie è nata da una idea di Roberto Saviano, famoso con il suo libro Gomorra. La produzione è come sempre quella di Sky Atlantic, Cattleya e Fandango e con la collaborazione di Beta Film. Grazie a Beta Film, una produzione tedesca, la serie si è fatta conoscere anche oltre i confini italici.

La serie di Gomorra è riuscita a raggiungere grandissimo successo al punto da essere stata acquistata in più di 170 paesi. Un successo senza confini. Il produttore della serie ne parla in questo modo: «La realtà messa in scena non è giocata all’americana, tra spazi chiusi, ma scende in strada e il territorio si fa sostanza e girato».

Lo sviluppo della terza serie

La prima serie di Gomorra si concentrava sull’ambizione, la seconda puntava all’odio. Nella terza serie i personaggi, i protagonisti devono assumersi le responsabilità dei loro gesti e delle loro azioni. In questa serie si vedranno i turbamenti emotivi e i percorsi interiori dei vari personaggi.

La Comencini che dirige la quinta puntata, dice che «la scommessa è non ripetersi mantenendosi all’interno dello stesso contenitore. La serie evolve, si sparpaglia forte di un’unità emotiva più forte».

Napoli, come detto, è la protagonista e vive delle emozioni e delle evoluzioni dei suoi personaggi.

I protagonisti subiranno delle metamorfosi, come lo stesso Esposito che interpreta Genny Savastano: «Anche lui è cresciuto, lo ritroviamo padre e pronto ad adattarsi alle situazioni che incontra». Bisognerà vedere il suo approccio nei confronti del fratello – nemico Ciro. Marco D’Amore che interpreta Ciro parla così del suo personaggio: «essere umano che ha vissuto un percorso disumano, condivisibile nella sua emotività, capace di coniugare i sentimenti con scelte di vita che ne connotano il modo di essere e di agire. Un percorso molto faticoso ma bellissimo».

Tra gli altri personaggi vi è Muselli che interpreta Enzo e dice: «Ho scoperto sul campo che anche i personaggi negativi amano.

Ho lavorato due anni nel carcere di Nisida e ho trovato persone meno aggressive di me e che hanno molto più amore di me da dare. Spesso mi penso, nato in un altro quartiere, con un’altra famiglia, chissà che cosa avrei fatto».

La serie di Gomorra, la terza stagione, consta di 12 puntate, che saranno trasmesse a partire dall’autunno su Sky Atlantic. Nel frattempo, si sta già scrivendo la quarta.

Il direttore delle produzioni originali di Sky Italia, ovvero Hartmann, dice che questa serie “ha ancora tanto da parlarci”. I fan non possono fare altro che attendere la messa in onda della terza serie.

Gomorra-La-serie-6

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche