Hitler e le prove che dimostrano che sia morto nel 1984

News

Hitler e le prove che dimostrano che sia morto nel 1984

Adolf Hitler
Adolf Hitler

Hitler, nuove indagini dell’FBI, sarebbe riuscito a scappare in Argentina e vivere tranquillamente fino al 1984 in una villa appositamente creata per lui.

Hitler sarebbe morto nel 1984 secondo le ultime indagini dell’FBI. Sarà necessario cambiare le date sui libri di storia?

Le ultime ricerche dell’Ufficio federale di investigazioni degli Stati Uniti, più noto come FBI, avrebbero portato alla luce una verità un po’ più scomoda di quella che siamo abituati a sentire.

Precisamente quella che il dittatore tedesco che ha causato la morte 15 milioni di persone sia morto pochi anni fa.

I libri di storia ci hanno insegnato che Adolf Hitler è morto in un bunker a Berlino nel 30 aprile del 1935 e che si sia suicidato insieme alla moglie Eva Braun. La coppia avrebbe preferito farla finita e in seguito far bruciare i loro corpi affinchè fosse evitata la stessa fine di Benito Mussolini, suo alleato giustiziato e appeso a testa in giù in Piazzale Loreto a Milano.

Le ultime rivelazioni, avvenute grazie a una declassificazione di alcuni documenti, testimonierebbero che il dittatore tedesco sia riuscito a fuggire in argentina dove grazie al governo dell’epoca avrebbe ricevuto protezione e vissuto tranquillamente fino al 1984.

In seguito alla pubblicazione degli scottanti documenti, sarebbe emersa anche la testimonianza dell’architetto Alejandro Bustillo che avrebbe costruito una graziosa villa in stile bavarese per il dittatore e consorte proprio ai piedi delle Ande. Testimonianza fino ad oggi ritenuta non attendibile.

Ad aggiungersi a questa serie di rivelazione c’è anche il test del DNA condotto nel 2009 su quello che i sovietici dicevano essere una frazione del cranio di Hitler ma che gli esami contraddirono.

Vi è inoltre anche una testimonianza di un informatore statunitense che proprio nel 1945 dichiarò di aver visto due sottomarini tedeschi avvicinarsi alla terra sudamericana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...