Il divorzio aumenta il rischio di infarto nelle donne COMMENTA  

Il divorzio aumenta il rischio di infarto nelle donne COMMENTA  

Tra i fattori di rischio cardiaco, oltre a quelli strettamente fisici come il peso e il colesterolo alto, vi è anche il divorzio. Lo ha rivelato una recente ricerca condotta dalla Duke University nella Carolina del Sud (Usa) su un campione di 15.000 persone nell’arco di tempo compreso tra il 1992 e il 2010. Stando ai risultati emersi dallo studio, pubblicati sulla rivista specializzata “Circulation”, le donne con un divorzio alle spalle avevano il 24% in più delle probabilità di essere colpite da un infarto, rispetto ai “felicemente sposati”. Se la donna ha divorziato più di una volta la percentuale sale al 77% rispetto a quelle coniugate. L’aumento del rischio di infarto è stato riscontrato anche negli uomini, anche se con minore incidenza (10% per i divorziati, 30% per i pluridivorziati).

Secondo la coautrice della ricerca, Linda George, esiste una correlazione tra la fine di un matrimonio e la patologia cardiaca. Ad incidere sulla debolezza del muscolo cardiaco è soprattutto lo stress psicologico, che si ripercuote sull’organismo innescando infiammazioni e problemi ormonali.


La sofferenza della fine di un matrimonio può durare anche anni e provoca un indebolimento generale dell’organismo: il divorzio pesa soprattutto sulle donne, che lo vivono come un vero e proprio fallimento personale.

Come superare questi brutti momenti? Può essere utile cercare il sostegno di persone amiche ed uscire dall’isolamento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*