La Croce Rossa Internazionale discute sui videogiochi di guerra COMMENTA  

La Croce Rossa Internazionale discute sui videogiochi di guerra COMMENTA  

Alla XXXI Conferenza internazionale, svoltasi nel novembre 2011 a Ginevra, la Croce Rossa Internazionale e della Mezzaluna Rossa ha discusso sulle implicazioni dei videogiochi che simulano situazioni reali di guerra. L’obiettivo è quello di rafforzare il diritto internazionale umanitario e l’azione umanitaria.

Leggi anche: San Francisco: autobus trasformati in docce per senzatetto

L’ICRC si mostra favorevole all’utilizzo di questi strumenti e intende avviare un dialogo con l’industria del videogioco. Alcune di queste case produttrici sono le stesse che progettano e fabbricano simulazioni di campi di battaglia per l’addestramento delle forze armate.

Leggi anche: VIP Italia onlus e la 12° giornata del naso rosso

Ci chiediamo quanto i campi di battaglia virtuali, al di là dell’addestramento militare, possano realmente essere educativi e non piuttosto occasione per risvegliare e stimolare impulsi violenti in soggetti psicologicamente fragili e facilmente suggestionabili o manipolabili. Il videogioco essendo specificamente una attività ludica solitaria, non è supportato da quei controlli sociali e padagogici che la normale e reale attività ludico-educativa ha.

Staremo a vedere, per ora la discussione è aperta.

Fonte: http://www.icrc.org/eng/resources/documents/faq/ihl-video-games-faq-2011-12-08.htm

Leggi anche

Style

Transgender famosi e poco conosciuti

Il termine "transgender" è molto di moda oggi: quale significato, persone classificabili, lista dei più famosi e conosciuti al mondo, nomi non popolari Il termine transgender è diventato di grande moda, spesso se ne sente parlare ma, in effetti, nessuno ha ben chiare le idee dato che anche nella lingua italiana sono differenti i significati del termine a seconda del contesto in cui si utilizza la parola. Per quanto concerne la sua origine etimologica, è da ricondursi al movimento LGBT, nato negli USA intorno ai primi anni ‘80, per indicare un movimento di stampo politico che avversa la logica eterosessista Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*