La palude della morte, gli animali diventano statue COMMENTA  

La palude della morte, gli animali diventano statue COMMENTA  

Lasciano sgomenti le istantanee scattate dal fotografo Nick Brandt, che ritraggono animali diventati statue. Ebbene si, nella valle del Grande Rift sorge un lago all’interno del quale è presente un composto naturale costituito in gran parte da carbonato di sodio, che si è accumulato dalle ceneri vulcaniche. E tutti gli animali che si immergono in queste acque, ad eccezione di una tipologia di pesce, rimangono letteralmente pietrificati diventando delle statue di sale. Il fotografo ha raccolto una serie di immagini di uccelli e pipistrelli calcificati e perfettamente conservati sulla battigia.

Leggi anche: Video mamma topo che salva il cucciolo dal serpente cattivo


“Non ho potuto fare a meno di fotografarli – ha spiegato – Nessuno sa per certo come muoiano, ma sembra che la natura estremamente riflessiva della superficie del lago li confonda, è come se gli uccelli si schiantassero contro delle vetrate, e precipitano nel lago“. L’unico essere vivente in grado di sopravvivere in queste acque, le cui temperature possono raggiungere i 60 gradi e il cui ph varia tra 9 e 10.5 è la tilapia alcalina (Alcolapia alcalica), un pesce che si è adattato bene alle condizioni difficili del ‘lago della morte.

Leggi anche: Vede qualcosa di strano dalla finestra di casa, è un ragno gigante


Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*