Le 10 posizioni sessuali da provare una volta almeno nella vita COMMENTA  

Le 10 posizioni sessuali da provare una volta almeno nella vita COMMENTA  

Anche le coppie più affiatate sono messe a dura prova dalla routine quotidiana. Per far durare una relazione bisogna sempre mettere un po’ di pepe nel sesso e avere il coraggio di osare qualcosa di nuovo. Ci sono almeno dieci posizioni sessuali che bisognerebbe sperimentare almeno una volta nella vita per rendere i momenti di coppia più piccanti ed entusiasmanti.

Leggi anche: Gli uomini preferiscono le stronze


Stare in piedi: l’uomo rimane in piedi e lei gli si avvolge intorno alla vita con le gambe. Per mantenersi in equilibrio basterà appoggiarsi ad una parete, in modo da assicurarsi anche una corretta penetrazione. In questa posizione si lascia che il partner abbia il totale controllo della situazione;

La sedia della scuola: ricordate le sedie che si utilizzavano a scuola, con schienale robusto? Bè, sono l’ideale per farci del sesso. Il partner si siede e lei comincerà ad abbassarsi lentamente su di lui, oscillando delicatamente avanti e indietro;

La sexy marionetta: in questa posizione ci si comporta proprio come una marionetta, con le mani sulla testa e lo sguardo contro il muro. Spetta a lui prendere la donna dai fianchi e penetrarla;

Il cucchiaio stanco: questa posizione è ottima per chi ama fare sesso al mattino presto. Lei si poggia sul fianco e lascia che il partner faccia il resto. Questa posizione richiede poco sforzo da parte della donna ma permette un’ottima penetrazione;

Il giro del timone: questa è una posizione in cui l’uomo detiene il controllo assoluto sulla partner. Cominciando dalla classica posizione del missionario lui porterà le gambe all’altezza delle spalle, muovendole poi verso destra e verso sinistra, proprio come fa il timone di una barca;

L’immagine speculare: in questa posizione i partner si trovano l’uno di fronte all’altra, creando un intreccio fra i corpi che aumenta l’intimità di coppia. Le gambe di uno vengono messe sulle spalle dell’altro e i gomiti sulle ginocchia, in maniera che ci possa avvolgere;

La carriola: lei si stende a pancia in giù e lui le mantiene le gambe in alto. Si tratta di un posizione molto stimolante ed erotica, ma può risultare un po’ faticosa. Meglio riservarla quindi ai momenti più intensi, quando la passione è veramente alle stelle;

La fionda: uomo e donna sono in piedi e lui le solleva la gamba tenendola con un braccio. La posizione potrà risultare più o meno flessibile ed aperta, a seconda della capacità della coppia. Comunque è assicurata una penetrazione abbastanza profonda;

Il levriero: la donna si stende sul letto a pancia in giù e solleva i fianchi in modo che il partner sia in grado di penetrarla con maggiore facilità. Il corpo deve essere mantenuto il più possibile aderente al letto. Chiudendo le gambe si può sperimentare un piacere più intenso;

Il grande angolo: in questa posizione l’uomo si mette in ginocchio e lei blocca le gambe contro la sua schiena. Si può scegliere la penetrazione oppure la stimolazione manuale. Tale posizione favorisce una visione del seno della partner che aumenta l’eccitazione maschile.

Leggi anche: Idee regali di Natale hi tech sotto i 20 euro per lei


 

Leggi anche

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate
News

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate

Piero Pelù cerca di rettificare il suo post e la sua denuncia, o se non proprio di rettificare di rivedere il suo messaggio, probabilmente da molti male interpretato. Nelle ultime ore sono state moltissime  le segnalazioni e le denunce in tutta Italia per casi di matite cancellabili e altre presunte irregolarità. Il segno lasciato delle matite copiative non può essere cancellato perché, anche qualora la gomma riesca a rimuovere la grafite, i pigmenti colorati rimangono. Quindi, se riuscite a cancellarlo, è sicuramente perché utilizzate una matita qualunque e non una matta copiativa. Così dichiara Piero Pelù stasera alle 19: "Per maggior informazione: le tre fotografie Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*