Ozonoterapia. Cos’é e a cosa serve COMMENTA  

Ozonoterapia. Cos’é e a cosa serve COMMENTA  

ozonoterapia
ozonoterapia

L’ozonoterapia é un rimedio medico per la cura di alcuni fastidi fisici, come l’eliminazione della cellulite, il trattamento di scottature e infiammazioni.

Spesso é utilizzata per alleviare i dolori del mal di schiena, ma può essere impiegata anche in ambito ginecologico e nel trattamento di scottature.

Leggi anche: LORIBLU e la cultura del Made in Italy


É una terapia che si basa sull’iniezione di una miscela gassosa di ossigeno e ozono nell’organismo. Serve per aumentare le quantità di ossigeno all’interno del corpo, utilissimo per curare le infiammazioni.

Leggi anche: Cardioaspirina: a cosa serve


L’ozonoterapia può essere impiegata ad esempio per il trattamento di ulcere, per velocizzare la cicatrizzazione, per alleviare i dolori della cervicale. O ancora, può essere utile per trattare le scottature e le infiammazioni articolari.


Viene spesso utilizzata anche per motivi estetici, ad esempio per curare la cellulite. Ciononostante sembra che non sia del tutto appropriata per curare i difetti estetici della cellulite. Essendo una terapia particolarmente invasiva, potrebbe generare fastidi alle donne che decidono di sottoporsi ad essa. Possono sorgere problemi nel momento in cui viene iniettata una miscela eccessiva di ozono, correndo il rischio di causare embolie.

L'articolo prosegue subito dopo


Si raccomanda dunque, di consultare i migliori esperti del settore e fare tutte le analisi necessarie prima di sottoporsi all’ozonoterapia.

 

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*