Le famiglie che mangiano un sacchetto di noccioline a settimana potrebbero innescare allergie al bambino

Infanzia

Le famiglie che mangiano un sacchetto di noccioline a settimana potrebbero innescare allergie al bambino

I genitori che mangiano arachidi possono mettere i loro bambini a rischio di sviluppare una minaccia per la vita, le allergie agli alimenti come dimostra la ricerca.

Lo studio di centinaia di famiglie ha rivelato che i bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare una allergia agli arachidi se il popolare snack si mangia regolarmente a casa.
Solo un sacchetto di noccioline a settimana potrebbe essere sufficiente per causare al bambino l’allergia agli arachidi, secondo una ricerca finanziata dalla Food Standards Agency.

Si pensa che l’olio e polvere di noci mangiati dai parenti entra nel corpo di un bambino attraverso la pelle o il naso, distruggendo il suo sistema immunitario e porta a una reazione allergica la prima volta il giovane mangia noccioline.

Lo studio, condotto presso l’Imperial College di Londra, suggerisce che maggiore è l’esposizione di un bambino agli arachidi nei primi mesi di vita, maggiore è la loro probabilità di sviluppare un’allergia.

Si sostiene che l’esposizione precoce permette al corpo di sviluppare una intolleranza al cibo.
L’ultimo studio ha esaminato il legame tra il consumo di arachidi e le allergie in quasi 450 famiglie con bambini piccoli.
I genitori sono stati interrogati circa la quantità di arachidi che loro e i loro figli mangiavano, e se erano stati consumati durante la gravidanza.

Circa un terzo dei bambini coinvolti erano allergici agli arachidi, un terzo erano senza allergia e un terzo ha avuto un allergia all’uovo – qualcosa che si sviluppa spesso prima dell’allergia agli arachidi.
L’analisi ha dimostrato che le famiglie con bambini con allergie agli arachidi hanno mangiato quantità significativamente più elevati di noccioline rispetto a quelli che erano senza allergia.
Famiglie con bambini allergici agli arachidi, hanno mangiato una media di 77.2g di arachidi a settimana – circa un sacchetto e mezzo – e più del doppio della quantità consumata in famiglie senza allergie.
Anche il burro di arachidi è legato alle allergie, ha detto una sintesi dei risultati FSA.
Nelle case dove i bambini hanno avuto un allergia all’uovo, ma non l’allergia agli arachidi, il consumo medio era ancora più basso, a soli 8.1g.

È interessante notare che il fattore importante sembra essere la quantità di arachidi mangiati dai membri della famiglia nel suo complesso, piuttosto che il bambino stesso.

La FSA ha dichiarato: “Questi risultati suggeriscono che una maggiore esposizione ambientale agli arachidi nei primi anni di vita in famiglie di quei bambini che hanno sviluppato un’allergia agli arachidi può aver promosso lo sviluppo dell’allergia.

Un secondo studio, anch’esso finanziato dalla FSA, ha scoperto che le noci del Brasile causano problemi respiratori più gravi per chi soffre di allergie di noccioline.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche